Statuto comunale, associazioni femminili indignate per le modifiche

JESI- «L’Amministrazione ha paura delle donne» dichiarano a gran voce le rappresentanti delle associazioni femminili del territorio, riunitesi oggi in sede di conferenza stampa per discutere della recente modifica dello Statuto Comunale.

Secondo UDI, Casa Delle Donne, Casa Delle Culture, Fidapa, SpaziOstello, Le Ragazze Sono In Giro, La Strada di Sergio e Ya Basta la modifica presenta una visione del tutto maschilista, incapace di tenere in conto anche la presenza di un organismo al femminile e di dare un valore aggiunto alla vita comunitaria.

Non solo l’Amministrazione ha respinto le proposte di inserire gli organismi di partecipazione delle donne, ma ha inoltre inserito dei termini, al punto riguardante l’attuazione della parità e del rispetto tra i generi, che risultano «contorti, svianti e poco incisivi». La volontà di inserire questo organismo è «in linea con quelli che sono i fatti politici attuali su tutto il territorio nazionale», tra cui la protesta femminile che scende in piazza oggi a Roma contro il Decreto Pillon, o la continua lotta, anche sul territorio locale, per l’applicazione della Legge 194 del 1978, relativa all’interruzione volontaria di gravidanza.

Un organismo femminile, anche se sotto forma di Consulta, Consiglio o Forum, è già presente in molte realtà territoriali vicine, come per esempio a Senigallia, Ancona o Macerata. L’istituzione di un apparato simile a Jesi è stato definito «un’ingerenza politica, e quindi una vera e propria intromissione in quelle che sono le linee politiche della città».

«Nello statuto c’è un’intercapedine di silenzio: inasprire le pene, secondo quanto approvato nella Legge contro la violenza domestica, è incoerente senza il rispetto del ruolo della donna ha affermato Selena Morici dell’associazione Le Ragazze sono in giro.

«Questo Comma è anacronistico, noi siamo associazioni apartitiche e apolitiche, e siamo attive per la comunità da anni» dice Daniela Morresi di Fidapa, in accordo anche con Francesca Bartolacci di UDI, che ha aggiunto: «La seconda versione di questo Statuto è solo di facciata».«Una vera e propria violenza istituzionale» sono le parole di Emanuela Bartolini di SpaziOstello.

«Secondo noi lo statuto non contempla le donne, ma anzi le cancella dalla scena. Sembra di esser tornati al sistema patriarcale e medievale» ha dichiarato Rossana Montecchiani di Non Una di Meno.

Allo stato attuale non c’è stato ancora alcun confronto diretto con l’Assessore Alle Pari Opportunità di Jesi, Marisa Campanelli, ma la presenza di una rappresentanza delle associazioni sarà presente 25 Luglio, in sede di Consiglio Comunale, quando lo Statuto verrà varato.

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*