Statuto comunale, si tira dritto: la proposta di modifica in Consiglio

JESI – Statuto comunale, le proposte di modifica discusse al prossimo Consiglio. A quasi un anno dal via ai lavori, l’Amministrazione tira dritto: lo statuto così come revisionato sarà sottoposto il 25 luglio al suo primo passaggio in Consiglio comunale.

Dovrà essere approvato almeno dai due terzi dei presenti in aula o saranno necessari altri due step prima che ne venga riconosciuta la legittimità.

Giovedì scorso, il passaggio in commissione, presieduta dal presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi, per l’illustrazione delle ultime modifiche. E il dibattito tra maggioranza e minoranza resta acceso, non essendoci condivisione riguardo alcuni punti. Primi contrasti erano nati con la cancellazione dei termini «antifascismo» e «resistenza», poi reintrodotti. Ora a finire sul tavolo delle proteste, è ancora l’art. 1 che sostituisce il vecchio art. 4 su  «Principi e finalità». Jesi in Comune obietta: «Siamo contrari alle modifiche, sono inopportune». 

Dopo l’assemblea pubblica, anche i cittadini erano stati invitati ad inviare proposte al Comune. Oltre una trentina i suggerimenti pervenuti, raccolti e valutati poi da un apposito gruppo di lavoro, coordinato dal consigliere Tommaso Cioncolini. Ma ancora non c’è una convergenza di opinioni. Per il consigliere Samuele Animali (Jesi in Comune)  il nuovo articolo 1, arrivato a contenere 16 commi, è «troppo lungo» rispetto alla sinteticità del 4, i valori espressi sono «contingenti» e anche l’ordine delle priorità andrebbe rivisto. Anche la consigliera Agnese Santarelli non approva e incalza sul mancato inserimento nello statuto del Consiglio delle Donne, organo di partecipazione al femminile richiesto anche da alcune associazioni del territorio. Ad appoggiarla c’è la consigliera del PD Emanuela Marguccio che torna anche su un altro punto di discordia, l’introduzione dello statuto dell’espressione ‘città regia’ in chiave turistica:  «Avevamo chiesto di utilizzare piuttosto ‘città federiciana’ – sbotta – L’articolo 1 non funziona, le nostre proposte non ascoltate». Il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi replica e non indugia: «I principi dell’articolo 4 sono confluiti nel nuovo 1. Dopo quasi un anno di lavoro, è giunto il momento che la proposta di modifica passi in Consiglio».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*