Stella d’Argento per meriti sportivi a Italo Giuliani, presidente Libertas

JESI – Un importante riconoscimento a una figura di primo piano dello sport jesino: ltalo Giuliani, presidente della Libertas Jesi, è stato insignito della Stella d’ Argento del CONI per meriti sportivi. La cerimonia si è svolta lo scorso dicembre, al  lazzaretto di Ancona, in occasione della Festa dello Sport marchigiano. Da notare che la Stella d’ Argento fa il paio con quella di bronzo che il presidente Giuliani aveva ricevuto direttamente dal presidente del CONI Pescante venti anni fa.  Si è voluto così giustamente premiare un uomo che, per Jesi e per i giovani lesini, ha fatto davvero tanto. La Libertas Jesi è oggi una società sportiva che coltiva ben tre discipline sportive, e cioè la ginnastica artistica, la pallavolo e il taekwondo, con un giro complessivo di più di trecento atleti. Insomma, una realtà sportiva bene affermata che, insieme alle altre, tiene alto il nome di Jesi nello sport italiano.

Presidente Giuliani, ci può raccontare come è nata la sua passione per lo sport?

«Ho sempre praticato sin da giovanissimo la scherma. Sono salito in pedana all’ età di otto anni. E ho anche raggiunto  buoni risultati: sei volte campione marchigiano di sciabola e secondo in una edizione del campionato italiano, proprio quando erano al vertice campioni come Mario Aldo Montano e Michele Maffei. Anzi proprio insieme a loro partecipai a Milano alla finale nazionale del Trofeo Bonfiglio, una gara che fece scalpore.

Inoltre molto importante fu per me l’ esperienza fatta al Gruppo Atleti  dell’ Esercito ad Orvieto. Poi ho proseguito la mia attività fino al 1974 anno in cui, a causa di un serio infortunio, dovetti smettere».

Ebbe quindi inizio la sua carriera come dirigente sportivo, giusto?

«Sì, avevo comunque deciso di rimanere nel mondo dello sport dando il mio contributo in questo nuovo ruolo. Feci la prima esperienza con la ACLI Scherma di Jesi, dove rimasi per tre anni. Successe poi che, accompagnando mia figlia ad Ancona per permetterle di praticare la ginnastica artistica, a un certo punto mi chiesi: “Ma perché non portiamo qui a Jesi la ginnastica artistica?” E insomma alla fine riuscimmo a fondare il primo nucleo di ginnasti nella nostra città, che si trasformò poi in una realtà bella e consolidata qual è quella di oggi».

Era già all’apice della dirigenza?

“Ancora no, all’ epoca ero presidente solo della ginnastica artistica che, come già detto, avevo fondato io. A un certo punto, Pietro Politi, il vecchio presidente, mi “regalò” sedici pallavoliste e venti calciatori: ed è così che nacque appunto la Libertas Jesi che mi ritrovai a guidare, un’ avventura che dura fino ad oggi».

A quali principi si è ispirato nella sua attività da dirigente?

«Ho sempre sostenuto che lo sport dev’ essere per tutti. Quindi abbiamo sempre fatto molta attenzione a che anche i meno abbienti potessero praticarlo con  la nostra società. In questo siamo stati molto aiutati dal vecchio sponsor Fausto Gastreghini, mio amico personale, che spesso ci comprava l’ equipaggiamento necessario, e dai suoi figli che ancora oggi ci danno una mano. Oggi lo sponsor è cambiato, siamo con la ICE Service, anche loro ci aiutano  nel permettere a tutti i giovani di Jesi di praticare sport con noi».

Quali i momenti più belli di questa sua vita da dirigente?

«Moltissimi. Ricordo quando negli anni ‘ 90 la ginnastica artistica vinse il campionato italiano a squadre a Fiorano. Avevamo un atleta, Davide Giovagnini, che divenne campione marchigiano e fu anche chiamato in nazionale, poi però subì un infortunio e smise. Anche la pallavolo femminile ci ha dato grandi soddisfazioni: la squadra di punta ha militato per tanti anni in serie C e nel 2005 arrivò allo spareggio per la serie B».

Qual è il segreto di un’ attività così longeva?

«Il fatto è che per me la Libertas è la mia seconda famiglia. Tant’ è vero che ho sempre svolto il mio lavoro con amore e al tempo stesso prudenza. Non ho mai fatto il passo più lungo della gamba. E il fatto che oggi la Libertas sia una delle poche società con il bilancio in attivo la dice lunga su come sia questa la politica giusta».

A cura di Giovanni Scala

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.