Stop atti vandalici, in arrivo 300 videocamere di sorveglianza

Foto d'archivio

JESI – Jesi, città intelligente. Rientra tra gli obiettivi del 2018 una maggiore digitalizzazione e informatizzazione dell’Ente, sia in termini di servizi erogati ai cittadini sia in termini di tecnologie utili a garantire sicurezza sul territorio.

In quest’ottica, circa 300 le telecamere di videosorveglianza saranno installate sul territorio della città: «Una decisione presa per contrastare il fenomeno del vandalismo in quanto non più tollerabile – fa sapere il Massimo Bacci durante la conferenza stampa di fine anno – Sensori di ultima generazione, inoltre,  saranno sistemati negli accessi della città in modo che siano in grado di identificare le targhe delle auto e di segnalare in tempo reale se si tratta di un veicolo rubato».

In programma anche il rinnovo della pubblica illuminazione, un progetto che richiederà circa 6 milioni di euro e che comporterà benefici sia in termini di qualità che di risparmio nei consumi.  Arriveranno anche semafori intelligenti che favoriranno l’attraversamento ai diversamente abili, in particolare ai non vedenti.

Ma la digitalizzazione riguarderà anche il Comune stesso, in particolare l’erogazione dei servizi e l’interazione con il cittadino «Dobbiamo recuperare un deficit oggettivo e fare il salto di qualità – spiega il sindaco –  Senza l’informatizzazione diventerà più difficile erogare i servizi, sopratutto in un momento in cui il personale sta per scendere sotto le 250 unità. Si potrà sopperire a questa mancanza solo attraverso una forte di spinta alla digitalizzazione dell’Ente stesso». Previste invece dalle 3 alle 5 assunzioni nel corpo della Polizia municipale: «Obiettivo raggiungere in questa consiliatura le 40 unità, necessarie per garantire al cittadino un servizio migliore in termini di ordine pubblico e sicurezza».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*