Storie e segreti del Teatro Pergolesi: ripartono le visite animate per famiglie

JESI – Ripartono il 14 luglio, a grande richiesta, le visite al Teatro Pergolesi di Jesi attraverso una narrazione guidata e i bizzarri interventi di Serpina, protagonista de La Serva padrona di Pergolesi. Durante la visita, una educatrice – Sara Agostinelli – ed una animatrice – Giulia Quadrelli -conducono il pubblico per circa un’ora e mezza nei vari luoghi del Teatro, dando preziose informazioni su due grandi maestri della musica marchigiana, Giovanni Battista Pergolesi e Gaspare Spontini, sui segreti del dietro le quinte e sulla storia di uno dei teatri più importanti delle Marche. Sei le tappe: Foyer, sala, ridotto, sartoria, camerini e palcoscenico.

“Chi è di scena: storie e segreti del Teatro Pergolesi” è il nome dell’iniziativa condotta da Sara Agostinelli e da Giulia Quadrelli, che consente di scoprire di scoprire uno dei più affascinanti e vitali edifici storici di Jesi. Il progetto, promosso dalla Fondazione Pergolesi Spontini, nasce dalla tesi di specializzazione in Comunicazione e Didattica dell’Arte di Sara Agostinelli. Le visite si terranno sabato 14 e domenica 15 luglio alle ore 21, sabato 28 e domenica 29 luglio alle ore 21.

220 anni di attività teatrale ininterrotta e due titoli ministeriali (per il Festival Pergolesi Spontini e per la Stagione Lirica di Tradizione) fanno del Teatro Pergolesi di Jesi un importante centro culturale e un luogo di estrema rilevanza nel patrimonio storico artistico della Regione Marche. Inaugurato nel 1798, è un teatro all’italiana con platea, tre ordini di palchi e un loggione. Un luogo suggestivo e magico con ricche decorazioni pittoriche neoclassiche e arredi scenici originali. Ogni anno, oltre 50mila spettatori e visitatori ne varcano l’ingresso, ma pochi hanno davvero l’occasione di poterlo conoscere anche nei suoi spazi più nascosti, solitamente utilizzati dai soli artisti e dagli “addetti ai lavori”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*