Storytelling, convegno e visita guidata all'antico ghetto ebraico medievale | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Storytelling, convegno e visita guidata all’antico ghetto ebraico medievale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – In occasione della giornata europea della Cultura ebraica, il Comitato Abitanti Centro Storico di Jesi organizza un’iniziativa promossa dall’UCEI (Unione delle Comunità ebraiche italiane): domenica appuntamento con “Storytelling – Le storie siamo noi“, convegno a cura della storica locale Maria Cristina Zanotti – disponibile in due orari, alle 16.30 e alle 18 – con successiva visita guidata all’antico ghetto ebraico di via e vicolo Fiorenzuola.

Un’ occasione per far conoscere, valorizzare, rivalutare una parte storica e a molti sconosciuta del cuore storico della città: il quartiere abitato dagli ebrei dal 1200 fino al 1650, quando si trasferirono definitivamente a Senigallia. In vicolo Fiorenzuola è ancora ben visibile l’ingresso dell’antica Sinagoga di stile tipicamente sefardita .

«Il Comitato Abitanti Centro Storico crede che il Centro Storico, sia un “Gioiello” da difendere e valorizzare, rivalutare e sostenere in quanto risorsa di tutti, tutelandone la bellezza e la vivibilità, l’ambiente e le relazioni – dicono dal Comitato, presieduto da Anna Tosti  – Per questo lavora in maniera propositiva con le Istituzioni e le Associazioni  per  la valorizzazione delle tante ricchezze  architettoniche, degli spazi verdi, delle vie e vicoli che lo rendono unico, cercando di garantire per tutte le zone del centro funzionali servizi ai residenti».

Questa Giornata offre lo spunto per una passeggiata nella storia e nella cultura ma anche una riflessione sulle possibilità di valorizzare questi ambienti urbani «pensando ad un “progetto” – fa sapere il Comitato – che possa recuperarli da un punto di vista urbanistico, con la manutenzione dei vicoli e della piazzetta di vicolo Fiorenzuola che versa veramente in condizioni “pietose”, ma anche di indirizzo per una qualificazione turistica che dovrebbe essere il riferimento costante per una città come Jesi. Progetto che veda la partecipazione insieme del  pubblico e del privato per la riqualificazione di questo ex quartiere ebraico, attingendo magari  a fondi Regionali, Statali o addirittura Europei».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.