Studenti di Pianello a Moie, Ritroviamo Castelbellino: «Chiarezza sulla vicenda».

CASTELBELLINO – Trasferimento degli studenti di Pianello Vallesina nel nuovo plesso scolastico di Moie, «importanti e cruciali questioni sottese alla vicenda vanno doverosamente chiarite». Lo sostiene la minoranza consiliare Ritroviamo Castelbellino, guidata dalla capogruppo Federica Carbonari: «Abbiamo accolto con sollievo e con plauso la possibilità che gli studenti della scuola media “G. Pascoli”, frazione Pianello Vallesina, nel Comune di Monte Roberto, frequentata anche da alunni residenti nel Comune di Castelbellino, possano essere ospitati temporaneamente nei locali del nuovo polo scolastico di Via Venezia di Moie di Maiolati Spontini, facente parte dell’Istituto Comprensivo “Carlo Urbani”. Tuttavia – fa sapere la Carbonari – per quel che concerne nello specifico il nostro Comune di Castelbellino, riteniamo che ci siano delle importanti e cruciali questioni sottese alla vicenda, che vadano doverosamente chiarite e anche con urgenza dall’attuale amministrazione, nel rispetto dei cittadini e genitori stessi che, comunque vadano le cose, si troveranno dinanzi una situazione non certo semplice da destreggiare nel cambio di questa sede».
Per questi motivi, Ritroviamo Castelbellino ha presentato un’interrogazione volta a fare luce sul caso e «a spiegare nel dettaglio come si sia arrivati fino a qua, senza che nessuno sapesse nulla, o
quasi..??!».

L’interrogazione , tra i vari punti, chiede al sindaco di Castelbellino Andrea Cesaroni, ora liquidatore dell’Unione dei Comuni che fece effettuare i controlli e all’epoca presidente , «riscontrato che verifiche di vulnerabilità sismica sulla Scuola Media ‘Pascoli’, disponibili da aprile 2019, hanno rivelato esito negativo e che ulteriori indagini e sondaggi, preceduti da un tavolo tecnico del 09/06/2019, composto dai Sindaci di Monte Roberto e Castelbellino e dagli ingegneri che avevano seguito le verifiche di vulnerabilità sismica, e conclusisi a fine luglio 2019, hanno determinato la non agibilità dell’Istituto scolastico» , se sono stati intrapresi itinerari di finanziamento alternativi per interventi di edilizia scolastica sull’edificio «all’esito, presumibilmente negativo, della partecipazione  alla ripartizione della quota dell’8 x 100 dell’Irpef» cui il Comune di Monte Roberto risulterebbe tra i beneficiari, nel 2014: 675 mila euro che però, sostiene la Carbonari, «crediamo non siano stati utilizzati».

Viene altresì richiesto: «se all’esito dei controlli sicuramente effettuati nell’immediatezza delle scosse telluriche dell’agosto e ottobre 2016 e gennaio 2017, l’Istituto scolastico in questione abbia manifestato segni di vulnerabilità sismica tecnicamente rilevanti, tanto da compromettere la staticità complessiva della struttura; «in quali circostanze fattuali vadano individuate la necessità e l’urgenza di procedere alla valutazione della vulnerabilità sismica della scuola secondaria di primo grado sita in via Trento»; «quali soluzioni praticabili siano state valutate per rendere effettiva, stabile e sicura la frequenza degli alunni dell’Istituto scolastico, nella prospettiva della messa in opera degli interventi necessari per il ripristino della piena staticità antisismica».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*