Studi medici chiusi per due giorni, guardia medica in tilt

JESI – Il Tribunale per i Diritti del Malato di Jesi ha scritto alla Direzione dell’ASUR Area Vasta 2 per segnalare i gravi disservizi e disagi subiti dai cittadini della Vallesina nelle scorse giornate del 22 e 23 marzo – peraltro giovedì e venerdì con il sabato e la domenica di mezzo – quando i pazienti dei medici di famiglia hanno trovato chiusi gli  studi medici per due giornate di fila  con la motivazione che la  ASUR aveva disposto due giornate  di aggiornamento a cui i medesimi erano tenuti a partecipare obbligatoriamente.

«A fronte di ciò la ASUR assicurava la presenza della guardia medica che però, con soli due operatori, e con file interminabili in ambulatorio, non ha potuto rispondere in maniera adeguata e completa  alle numerose richieste dei pazienti – si legge in una nota stampa del coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori – In questo stato di cose  molti di essi  ci hanno anche  segnalato che non hanno potuto usufruire della visita a domicilio in quanto la guardia medica aveva gli studi pieni e quindi era impossibilitata a spostarsi. In relazione a quanto accaduto riteniamo assolutamente intollerabile chiudere gli studi per due giorni di seguito senza lasciare almeno un medico a disposizione dei pazienti. Facciamo notare peraltro che la convenzione con i medici di medicina generale prevede che l’ apertura degli studi deve essere assicurata per 5 giorni la settimana, e prevede inoltre che i corsi di aggiornamento si debbano svolgere di sabato mattina, salvo una diversa determinazione concordata con la Regione . In relazione a tanto abbiamo chiesto all’ASUR che per i prossimi aggiornamenti non si utilizzi più la modalità adottata nelle giornate del 22 e 23 /3 in quanto si configurerebbe una mancata continuità assistenziale perché le sole guardie mediche non possono garantire un servizio pieno e completo per l’intero territorio , così come prevede la convenzione di medici di medicina generale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*