Successo per “Emma”, spettacolo finale del laboratorio di scrittura creativa

MOIE – Ottimo successo e grande partecipazione di pubblico per l’incontro-spettacolo dal titolo “Emma. Tradurre/tradire. Il femminile”, svoltosi domenica scorsa alla biblioteca La Fornace di Moie. Ad organizzare l’iniziativa, l’Università degli adulti della Media Vallesina, l’istituzione voluta otto anni fa dall’Unione dei Comuni. Lo spettacolo è stato l’esito del laboratorio di “Scrittura non creativa”, a cura di Silvano Sbarbati, ispirato al romanzo “Madame Bovary” di Flaubert.

I partecipanti del laboratorio, Gabriella Ballarini, Graziella Bastari, Cesare Bellini, Gianna Binci, Tiziana Canafoglia, Walter Crostelli, Ildo Mattei, Antonietta Pasquini, Paola Radicioni, Uliana Senatori e Concetta Tarantino, hanno letto i propri testi con grande intensità, riuscendo a coinvolgere ed emozionare il pubblico. A dare verve all’evento, anche la partecipazione di Michele Cardinali e Patrizia Coduti, due giovani attori di teatro amatoriale.

Il laboratorio ha impegnato gli “studenti” per quattro mesi, sotto la guida di Sbarbati. Coltivando il filone storico che è stato alla base delle attività culturali di questo anno accademico, “Tra l’Ottocento e il Novecento”, il laboratorio ha puntato l’attenzione su un aspetto rivoluzionario di quel periodo: la donna che si mobilita, si organizza in movimenti sindacali, lotta per il voto, organizza grandiose manifestazioni di piazza negli Stati Uniti e in Russia. La figura tragica di Emma, nell’ottocentesco “Madame Bovary” di Flaubert, è una figura simbolica rappresentativa di un vecchio mondo che stenta a cambiare.

Nella performance di domenica gli undici corsisti hanno tutti rappresentato Emma, evidenziando ciascuno in un lavoro scritto, progettato e rielaborato nel corso di 4 mesi di laboratorio, l’immagine multiforme della protagonista nella complessità del suo essere donna: le contraddizioni, gli entusiasmi, la disperazione. La noia soprattutto delle lunghe giornate. La lettura dei singoli brani era accompagnata da un fondo musicale proposto dall’autore del brano stesso.

Quello di scrittura creativa è uno dei corsi più apprezzati e seguiti fra quelli proposti dall’Università degli adulti, l’istituzione gestita da un’associazione di cui è presidente Letizia Saturni. Lo scorso gennaio ha preso il via il laboratorio 2014, con il tema “Immagini che diventano Parole”. Gli appuntamenti previsti, a cura di Alessandro Morbidelli, sono otto e si concluderanno a maggio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*