Sulla Jesi del futuro, una pioggia di adesioni al questionario on line | | Password Magazine

Sulla Jesi del futuro, una pioggia di adesioni al questionario on line

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Pioggia di adesioni all’invito del Comune di partecipare al questionario on line per costruire insieme la Jesi del futuro. Già in 150 sono entrati nel sito della rete civica comunale dove, nell’home page, è presente il link di accesso alle 8 domande che vengono poste per conoscere – secondo la libera opinione di ciascuno ed in forma assolutamente anonima – i punti di forza e di debolezza della città, gli aggettivi per definirla, gli investimenti e le azioni che andrebbero privilegiate.

Il questionario resterà aperto per tutto il mese di aprile con i dati che vengono raccolti di volta in volta da Nomisma, la società di studi economici a cui il Comune ha affidato il compito di affiancarlo per individuare gli assi strategici su cui puntare per Il futuro. Nel corso poi di un incontro pubblico da tenersi ad inizio estate verranno illustrati gli esiti del questionario, raggruppando le risposte omogenee così da consentire di capire qual è l’orientamento prevalente dei cittadini.

Un percorso di ascolto, questo, che si affianca all’indagine telefonica che prende il via ufficialmente oggi e che coinvolgerà sia i cittadini di Jesi che quelli della Vallesina, in una logica che punta ad immaginare la nostra città non più chiusa all’interno dei propri confini, ma aperta ad un territorio più ampio, come quello dell’area vasta, strategico in un momento in cui le Province hanno perso il proprio ruolo e gli strumenti legislativi favoriscono fusioni ed aggregazioni tra enti locali o tra le loro funzioni principali.

Parallelamente a questa attività di ascolto diretto dei cittadini, Nomisma sta costruendo un percorso di ascolto con i cosiddetti stakeholders, coinvolgendo imprenditori di vecchia e nuova generazione, di aziende manifatturiere, creative, sociali o start up,-ma anche soggetti istituzionali come porto, aeroporto, interporto, Camera di commercio, Enti sovracomunali, sindaci del territorio, con una attenzione al sociale attraverso rappresentanti di associazioni, giovani, organismi che si occupano di marginalità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.