Tagli ai posti letto e Pronto soccorso sotto organico, l'appello del Tribunale del Malato | | Password Magazine

Tagli ai posti letto e Pronto soccorso sotto organico, l’appello del Tribunale del Malato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Dopo le problematiche create dal taglio dei posti letto in ospedale in concomitanza con le ferie estive, ci dovremmo apprestare a ritornare in una situazione di normale operatività . Diciamo ci dovremmo perchè abbiamo il timore che quel taglio “provvisorio” operato durante l’estate possa poi divenire definitivo».

Queste le parole del coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori: «La situazione si fa particolarmente pesante per il Pronto soccorso che già deve scontare  un’obiettiva difficoltà di reperire medici, per l’impossibilità di attingere da graduatorie in essere ma anche per una attività con troppi rischi, con un carico di lavoro assai pesante e non retribuito adeguatamente – continua Liguori – Attualmente il Pronto soccorso di Jesi ha un organico previsto di 15 medici ma ve ne sono solo 8 più il direttore. Per non parlare degli infermieri (ne mancano due) e degli OSS, solo 2 per turno e costretti spostamenti chilometrici per accompagnare i pazienti alle varie unità».

«Se a tutto ciò – aggiunge il TDM – ci aggiungiamo che il Fast track funziona a singhiozzo, che non è prevista in tutta l’Area Vasta 2 la presenza di un radiologo nelle ore notturne e nelle giornate festive che possa refertare lastre, Tac e quanto altro, velocizzando la diagnosi e quindi la dimissione del paziente del Pronto soccorso per i mesi invernali, quando è previsto un aumento degli  accessi durante i picchi influenzali, ci dovremo attendere grossi disagi per i pazienti».

«Sicuramente – conclude Liguori – visti gli spazi risicati, torneremo a vedere le barelle nei corridoi.Ecco perché torniamo ad appellarci a tutte le forze politiche cittadine ed alle OOSS di categoria affinché si chieda tutti insieme all’ASUR di ripristinare quanto prima il numero dei posti letto tagliati e contestualmente ricoprire le posizioni vacanti al Pronto soccorso».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.