Tagli al Sociale, famiglie in protesta | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Tagli al Sociale, famiglie in protesta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Famiglie, operatori sociali, associazioni e onlus in protesta contro i tagli al fondo sociale per l’assistenza ai disabili, minori e anziani. Gremita la sala del Consiglio comunale, ieri, occupata da un centinaio di cittadini che dovranno ben presto fare i conti con il devastante taglio previsto dalla Regione Marche per il 2015: da 34 milioni ad appena un milione di euro.
“Una cancellazione che non ha precedenti – ha detto Franco Pesaresi, direttore dell’Azienda Servizi alla Persona – Abbiamo dovuto mettere in campo possibilità creative, strategie e ipotesi favorevoli per fronteggiare la situazione per mantenere i servizi, pur ricorrendo a riduzioni”.

A Jesi, il taglio scatterà dopo il 31 luglio,con una riduzione di 450 mila euro ai quali si aggiungerà l’eliminazione di un ulteriore fondo da 220 mila euro a 70 mila di spese in più per i minori in comunità.

“Chiediamo di sospendere il taglio”, incalzano tramite una lettera le famiglie di Anffas, Mosaico,  Gruppo Solidarietà Omphalos, Angsa. Bacci risponde: “Il Comune ha confermato i suoi stanziamenti. Gli effetti del taglio della Regione sono stati denunciati. E, al momento, stiamo già spendendo soldi che non abbiamo”.
La speranza sta nel reintegro del fondo, un impegno solenne sottoscritto dall’attuale governatore delle Marche Luca Ceriscioli in fase di campagna. “Il neo governo regionale è in fase di insediamento: passerà del tempo prima che arrivino nuove disposizioni sul sociale –  ha detto Bacci – Insieme ai Sindaci della Vallesina, ci siamo incontrati ed abbiamo deciso una strada diversa: farci carico del problema, ridurre di qualche ora ma non tagliare alcuna attività, impegnare il nuovo presidente della Regione a ripristinare i fondi, pur consapevoli che non sarà facile.”. In lacrime,  Paola Lenti comunica, a poche settimane dall’incarico, la decisione di dimettersi dal suo ruolo di presidente ASP per incompatibilità con  il suo ruolo di presidente di Commissione Sanità. Matteo Marasca (PD) condanna le scelte della vecchia Giunta regionale e, ricordando comunque le intenzioni di Ceriscioli, chiede nel frattempo al Comune di rivedere il bilancio di previsione.
“Mi auguro che entro il 31 luglio la nuova Giunta regionale rifinanzi il Fondo, ancorché sappiamo che non potrà mai raggiungere i 34 milioni che la precedente Giunta ha cancellato dall’oggi al domani senza che alcun Comune, tranne quelli del nostro territorio, protestasse – ha scritto poi il Sindaco sulla sua pagina Facebook – Nel frattempo apriremo un tavolo con i consiglieri di maggioranza, di minoranza, dei rappresentanti delle associazioni delle famiglie e degli operatori sociali, per condividere insieme il miglior percorso da compiere per il futuro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.