Tagli al Sociale, la voce del Volontariato: "Ceriscioli, si ricordi degli impegni elettorali"

JESI – Crescono indignazione e preoccupazione circa i tagli previsti dalla Regione Marche su fondi da destinare al sociale. Dei 34 milioni dispensati per l’assistenza, ne saranno garantiti solo 15 tra sociosanitario e maggiori fondi statali. Nell’assestamento saranno previsti 14 milioni: 7 per il 2015 e 7 per il 2016. E mentre il presidente Ceriscioli annuncia l’impegno nella determinata ricerca di fondi europei, il sindaco Massimo Bacci riversa in Consiglio comunale le sue preoccupazioni di fronte ad una situazione più che mai critica: «Pur non avendo dati ufficiali, è più di una sensazione la prospettiva che il problema si stia ingigantendo”.

Il presidente del Consiglio comunale Daniele Massaccesi, inoltreha già predisposto e inviato una lettera diretta al Presidente della Giunta della Regione Marche Ceriscioli ed ai Capi Gruppo Consiliari in Regione Marche, sottoposta a tutti i Consiglieri Comunali di Jesi per la relativa condivisione.

La nota è stata firmata da tutti gli esponenti di maggioranza (Jesiamo, Patto per Jesi, Insieme Civico), ivi incluso ovviamente il Sindaco di Jesi, Massimo Bacci, da alcuni di minoranza (Liste Civiche per l’Italia, Movimento 5 Stelle, IDV – Italia dei Valori). Non hanno invece firmato gli esponenti del PD.

“O in passato c’è stata una evidente sperequazione, con fondi per il sociale erogati in misura eccessiva rispetto alle reali necessità, esigenze fabbisogni – cosa a cui non crediamo oppure la somma stanziata per il 2015 è largamente inadeguata e insufficiente per il mantenimento di servizi dignitosi a chi soffre le maggiori criticità – si legge nella lettera – Le chiediamo sig. Presidente, in nome della lealtà e della sincerità che ogni politico dovrebbe garantire, e in particolare chi, come Lei rappresenta un Ente e ha una funzione e una responsabilità particolare, di dare concreto seguito all’impegno da Lei preso in campagna elettorale quando, oltre ad altre considerazioni (…) si era impegnato:

“…se sarò eletto ad adoperarmi per ripristinare, subito dopo le elezioni regionali, i fondi sociali regionali per il 2015 e per gli anni della nuova legislatura, in maniera adeguata a a mantenere i servizi in essere…. “

Una lettera al Governatore della Regione arriverà anche dal Coordinamento delle Associazioni di Volontariato di Jesi e della Vallesina:

“Il mondo del volontariato sociale ha accolto con soddisfazione le sue prese di posizione in campagna elettorale a favore dell’erogazione di servizi sociali che dessero risposte adeguate alle famiglie e a quanti vivono nella sofferenza e nel disagio. (…) Oggi però a qualche distanza dobbiamo farci carico e assumere come problema grave e urgente il “grido di dolore delle istituzioni locali”.

E sulla preoccupazione espressa in merito dal Sindaco di Jesi  Massimo Bacci:

“Questa preoccupazione e questo grido di allarme di un sindaco della città capofila di un ambito sociale lo facciamo proprio noi del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato del territorio dell’ASP n. IX. (…) Il volontariato vuole esprimere solidarietà e per questo siamo a dire con forza che le scelte politiche debbono sempre guardare a questo valore come un valore di civiltà in termini assoluti, e non di semplici bilancio economico e finanziario. Guardando a questo valore come una priorità ci sentiamo di affiancarci al sindaco di Jesi Bacci, ribadendo a lui e a tutti gli altri sindaci dell’ASP n. IX che come sempre faremo sentire la nostra voce quando ce sia bisogno, come in questo caso, Egr. Presidente, ricordandoLe gli impegni e facendo leva sulla sua sensibilità di politico e di cittadino”.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*