Taglio del nastro per l’Emporio Solidale di Jesi

JESI – Inaugurato questo pomeriggio l’Emporio Solidale a Jesi nato dalla sinergia tra l’ASP Ambito 9; Caritas Jesi; la Fondazione Cariverona; il Centro Servizi Caritas Jesina Padre Oscar; Anteas Marche; il Forum Terzo Settore delle Marche; l’AUSER Provinciale OVD di Ancona e Alleanza contro la povertà delle Marche.

Presenti all’inaugurazione il Vescovo Gerardo Rocconi; per la Caritas Jesi, il direttore Caritas Marco D’Aurizio e l’operatrice Lorenza Gagliano; in rappresentanza dell’amministrazione comunale, il Sindaco Massimo Bacci e l’assessore ai servizi sociali Marialuisa Quaglieri; per l’Asp, il Presidente Mosconi Sergio, il Direttore Franco Pesaresi e l’operatrice Nora Bianchi; presente anche il presidente assemblea dei sindaci Marco Bini.  L’Emporio solidale si trova nei locali della Caritas di Viale Papa Giovanni XXIII e si tratta di un vero e proprio spazio in cui le persone che versano in difficili condizioni e con disagio socio-economico potranno recarsi per fare la spesa: “Prima della costruzione della Caritas, la struttura sembrava fin troppo grande – commenta il vescovo Don Gerardo – ora sembra addirittura piccola. Il prossimo obiettivo sarà sicuramente l’apertura di un polo medico con un occhio di riguardo alla salute delle donne”. La soglia dei poveri assoluti in Italia ha superato i 5 milioni ed è per questo che esperienze come questa devono poter vivere e sopravvivere: “La povertà non è precaria e per questo nemmeno i finanziamenti lo devono essere – commenta il presidente Mosconi – tutto ciò che è sociale è purtroppo legato alla temporaneità. Dobbiamo dunque ringraziare la Fondazione Cariverona che ci ha dato un aiuto fondamentale”. La Fondazione ha infatti contribuito con la cifra di 75000 €, insieme al sostegno economico si Caritas e Asp; ad aiutare economicamente sono stati anche Vittorio e Maria Massaccesi, in ricordo della figlia Elisabetta, recentemente scomparsa. I fruitori dell’emporio potranno “acquistare” i prodotti tramite una specifica tessera a punti assegnati da un’equipe e basati sui bisogni dei nuclei familiari e subordinata allo svolgimento di ore di volontariato, corsi di formazione e tirocini a favore dell’inclusione sociale, tutte attività coordinate dalla psicologa Elena Gabella.

La struttura sarà aperta due volte a settimana, il martedì mattina e il giovedì pomeriggio: “Mano a mano si incrementerà – spiega il direttore Caritas Marco D’Aurizio – in base alle disponibilità dei giovani volontari”. Se c’è collaborazione possono nascere tante cose belle perché le persone buone ancora ci sono. “L’Asp è un valore aggiunto per il nostro territorio – commenta il sindaco Bacci – quello che sta facendo è un lavoro eccezionale e i risultati che ottiene sono basati sulla concreta necessità che il territorio ha”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*