Tares, il saldo rinviato al prossimo anno

JESI – In considerazione del particolare e difficile momento economico che stanno vivendo le famiglie, la Giunta ha proposto al Consiglio comunale, che si è espresso favorevolmente, di differire ai primi mesi del prossimo anno il saldo della Tares previsto per il 2013. Non solo, il saldo sarà spalmato su due rate, l’una con scadenza 31 gennaio, l’altra con scadenza 31 marzo per ammortizzare ulteriormente l’impatto. E solo in quest’ultima sarà inserita la maggiorazione di 30 centesimo al metroquadrato decisa dal Governo e che, come noto, sarà incassata direttamente allo Stato.

Ad oggi i contribuenti di Jesi hanno già versato due rate della Tares (il 30 giugno e il 30 settembre scorsi) pari all’80% della vecchia tassa rifiuti di cui, come noto, la Tares ha preso il posto. Questo nuovo tributo è composto da una parte relativa alla copertura dei costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento rifiuti e da una componente, pari appunto a 30 centesimi di euro a metroquadrato occupato, relativo a servizi vari, il cui gettito finirà nelle casse statali.

Vi è da aggiungere che, sulla base di quanto deciso dal Governo rispetto ai coefficienti, gli importi risultano modificati. Per quanto riguarda le abitazioni si pagherà infatti sia in base ai metri quadrati che al numero degli occupanti dell’immobile. Per le utenze non domestiche il calcolo si basa su coefficienti di produttività di rifiuti diversi a seconda del tipo di attività svolta.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*