Tari, in calo per le imprese | | Password Magazine

Tari, in calo per le imprese

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Sarà un adeguamento della tassa rifiuti di impatto minimo per i cittadini e addirittura con una riduzione per molte attività produttive quello che la Giunta proporrà al Consiglio comunale di domani. Grazie infatti ad una raccolta differenziata che supera la soglia del 65% scongiurando così l’ecotassa ed un aumento della purezza dei materiali separati che determina un maggior gettito nella vendita, il costo complessivo del servizio – sul quale viene poi determinata la tassa – registra un risparmio complessivo di 280 mila euro. E proprio in virtù di tale risparmio, malgrado l’adeguamento, la tassa di rifiuti a Jesi resterà anche nel 2015 più bassa di quella dei principali Comuni della provincia.

Per quanto riguarda le utenze domestiche, la Tari prevede incrementi contenuti in valore assoluto soprattutto per le abitazioni più piccole: ad esempio si pagherà 15 euro in più all’anno nel caso di un’abitazione di 80 mq con un solo occupante; 18 euro in più per la stessa superficie nel caso di due occupanti, 30 euro in più nel caso di quattro persone in una casa di 100 mq. Per quanto riguarda invece le attività produttive nessuna tariffa è stata aumentata, ma al contrario quasi tutte hanno subito una riduzione, in alcuni casi lieve nell’ordine di 1 o 2 punti percentuali ed in altri casi più consistente fino al 10 per cento in meno rispetto al 2014.

Piccoli ritocchi da una parte, riduzioni dall’altra – si diceva – grazie al doppio beneficio derivante dalla raccolta differenziata. Con oltre il 65% di materiale avviato al recupero anziché in discarica, il Comune non si vede infatti applicata l’ecotassa che è pari a 80 mila euro l’anno. Allo stesso tempo, la corretta separazione di carta, vetro e plastica da parte dei cittadini, permette al Comune di poter vendere ad un prezzo più alto tali materiali, essendo più elevato il livello di purezza, con un gettito complessivo di 200 mila euro l’anno destinato a coprire parte del costo del servizio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.