TASI e IMU, nuove aliquote | Password Magazine

TASI e IMU, nuove aliquote

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tasi ridotta per le abitazioni con rendite catastali più basse, azzerata per quelle assegnate ai parenti in linea retta e per le aree fabbricabili, limitata al tetto del 3 per mille per gli altri, senza raggiungere l’aliquota massima prevista dal Governo. Ed ancora: diversa rimodulazione Imu e Tasi per le attività produttive per permettere alle stesse, a parità di gettito, un maggiore beneficio  fiscale.

Questi i provvedimenti adottati dall’Amministrazione comunale e condivisi dalla maggioranza, che saranno portati all’approvazione del Consiglio della prossima settimana, in conseguenza delle ultime norme predisposte dal Governo relative a detrazioni e maggiorazioni e dunque successive all’approvazione del bilancio comunale del 27 febbraio scorso.

Una scelta non facile, tenuto conto che sono in arrivo ulteriori significativi tagli ai Comuni, maturata con l’obiettivo di tutelare la fasce sociali più deboli, ma anche le attività produttive che garantiscono occupazione e sviluppo, senza intaccare il gettito complessivo previsto dal bilancio stesso.

In particolare viene introdotta la detrazione sulla Tasi (servizi unici indivisibili) per le abitazioni che sarà applicata in misura inversamente proporzionata al valore della rendita: più questa è bassa, più sarà alta la detrazione che varierà da 25 a 100 euro per unità immobiliare. Un meccanismo che coinvolgerà quasi la metà delle abitazioni della città. Sarà azzerata  la Tasi su quelle abitazioni di proprietà date a parenti in linea retta (precedentemente fissata all’1,6 per mille) che si vedranno anche ridurre l’Imu dall’10,6 al 9 per mille. Confermata la non applicazione della Tasi sulle aree fabbricabili. Per le restanti abitazioni, quelle con un elevato valore di rendita catastale, la Tasi sarà al 3 per mille, benché il Governo abbia dato la possibilità di innalzarla fino al 3,3 per mille.

Per quanto riguarda le attività produttive, tenuto conto che l’Imu è detraibile solo al 20%, mentre la Tasi è interamente deducibile, si procederà ad una rimodulazione che abbassa l’imposta sull’immobile ed innalza la tassa sui servizi indivisibili cosicché, pur mantenendo lo stesso carico tributario, l’impresa potrà ottenere un migliore effetto fiscale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.