Tavolo sulla Sicurezza con istituzioni e forze dell'ordine

JESI – Migliorare la rete informativa, alzare il livello di attenzione del territorio e aumentare le segnalazioni di situazioni sospette. Sono alcune delle indicazioni emerse dal tavolo tecnico sulla sicurezza organizzato questo pomeriggio dal Consiglio Direttivo di Jesi di Confcommercio Imprese per l’Italia Marche Centrali. All’incontro hanno partecipato, dinanzi al Consiglio Direttivo Confcommercio di Jesi guidato dalla presidente Tania Luminari che ha fortemente voluto e coordinato l’incontro, il capitano dei Carabinieri di Jesi Mauro Epifani, il sovintendente di Polizia di Jesi Marco Pieroni, la comandante della Polizia Municipale di Jesi Liliana Rovaldi, Giancarlo Catani, in rappresentanza del Comune di Jesi, il presidente del Consiglio Comunale di Jesi Daniele Massaccesi, i capogruppo del Consiglio Lenti, Spaccia, Garofoli, Marasca, Gianangeli e alcuni rappresentanti dei commercianti e degli artigiani.

Il tavolo tecnico, di analisi e di proposizione di risposte al crescente fenomeno della microcriminalità, è stato convocato da Confcommercio alla luce della situazione sempre più difficile per quel che riguarda la sicurezza dei cittadini e delle Imprese del territorio con l’obiettivo di arginare il più possibile il fenomeno attraverso una strategia d’insieme. Dalle parole dei rappresentanti delle forze dell’ordine è emersa netta la conferma della pericolosità del fenomeno, a fronte di una certa rilassatezza del territorio, e la necessità, da parte dei cittadini e delle Imprese, di alzare non poco il livello di attenzione sulla questione soprattutto attraverso le segnalazioni di situazioni sospette ma anche tramite l’attivazione di una serie di accorgimenti di tutela, alcuni già conosciuti dai più come la buona norma di non favorire azioni criminali lasciando ad esempio le chiavi in luoghi facimente accessibili o l’accertamento dell’identità in caso di tentativo di truffe da parte di persone, che possono coinvolgere anche le Imprese. Tra queste la possibilità del doppio collegamento degli allarmi alle forze dell’ordine e alla vigilanza privata, il ritorno al segnale molto rumoroso dello stesso allarme, nel caso di presenze non gradite, in grado di mettere in fuga i male intenzionati e i sensori luminosi che si illuminano al passaggio e che mettono in evidenza eventuali presenze. Il Comune di Jesi, che sta svolgendo una buona azione di prevenzione e collaborazione con le forze dell’ordine, proseguirà nell’opera di istallazione delle telecamere in alcune zone della città e sta predisponendo delle convenzioni per coinvolgere figure di monitoraggio in stile ‘poliziotto di quartiere’. Questo primo passo di raccordo poi tra Associazioni, Istituzioni e Forze dell’Ordine è da considerarsi come un avvio di un percorso condiviso per la creazione di una rete informativa che possa essere un utile riferimento per tutte le Imprese del territorio. Si prevede dunque una  programmazione futura di incontri e la realizzazione nell’immediato di un decalogo per la sicurezza per tutte le Imprese. Il tutto, secondo il Consiglio Direttivo Jesi di Confcommercio, deve comunque inserirsi in un’azione comune che spinga il Legislatore a prevedere la certezza della pena quale deterrente alla crescita del fenomeno criminalità.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*