Teatro Pergolesi, il dittico Lesbina e Milo e balletto Suite Italienne conquista il pubblico | Password Magazine

Teatro Pergolesi, il dittico “Lesbina e Milo” e balletto “Suite Italienne” conquista il pubblico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- Sabato 17 ottobre e domenica 18 ottobre, inaugurando la 53esima Stagione Lirica del Teatro Pergolesi di Jesi, è andato in scena il dittico Suite Italienne, passo a due su musica di Igor Stravinskij, e Lesbina e Milo,  di Giuseppe Vignola, intermezzi per musica in chiave moderna, due prime esecuzioni per un viaggio nel ‘700 napoletano. Il dittico è stato enormemente apprezzato dal pubblico, ridotto secondo le normative anti Covid-19 vigenti, che si è profuso in lungo applauso rivolto ad entrambe le esecuzioni.

SUITE ITALIENNE_applausi            Lesbina e Milo_Applausi

Suite Italienne su musica di Igor Stravinskij, una produzione Daniele Cipriani Entertainment su commissione del Teatro Pergolesi di Jesi, vede come protagonista Pulcinella, celebre maschera a mezzo volto della Commedia dell’Arte, e la sua storia è ricostruita dai coreaografi/ballerini Sasha Riva e Simone Repele (Riva & Repele danzarte, Ginevra, Svizzera), accompagnati da Riccardo Pes al violoncello e Andrea Boscutti al pianoforte. La visione artistica e la linea semplice ma elegante di Riva e Repele svela i lati che compongono la figura di Pulcinella, come un viaggio introspettivo volto a delinearne i dettagli e che crea un legame tra la maschera e la figura umana. Pulcinella viene visto come un insieme di contrasti, stupido e furbo, demone e angelo, saggio e sciocco, continuamente in sospeso tra i pericoli della città partenopea eppure sempre pronto ad uscirne con allegria. I costumi sono firmati da Anna Biagiotti, ma quello di Pulcinella è firmato dall’artista spagnolo Pablo Picasso, che aveva disgnato di costumi per Pulcinella (1920), balletto creato da Léonide Massine per i Ballets Russes di Serghei Diaghilev. Stravinskij, dalla partitura da lui composta per Pulcinella, basata su pagine incompiute di Pergolesi, traeva la sua Suite Italienne per violoncello e pianoforte.
Daniele Cipriani ha dimostrato che anche durante questa pandemia è possibile proporre spettacoli godibili, nonostante il ridotto numero di protagonisti, affermando che: “Questa linea semplice ma elegante permette alla fiamma della danza di continuare a sfavillare”.

Suite Italienne_Balletto_Jesi (3)

Suite Italienne_Balletto_Jesi (7)

Lesbina e Milo, intermezzi per musica del compositore napoletano Giuseppe Vignola (1662-1712), era inserita nel dramma La fede tradita e vendicata, come intermezzo comico secondo la prassi dell’epoca, per poi ottenere un riconoscimento come opera a sé stante. I tre intermezzi, la cui revisione critica è di Maria Chiara Olmetti,regia di Deda Colonna, scene di Benito Leonori, musiche dirette da Marco Ferruglio e interpretate dalla FORM (Orchestra Filarmonica Marchigiana), e il cui light designer è Alessandro Carletti, narrano la vicenda di Lesbina e Milo, interpretati dal soprano Giulia Bolcato e dal tenore di origini marchigiane Alberto Allegrezza. I due personaggi sono stereotipati ma ben delineati, Lesbina è esperta, avvezza alle dinamiche di seduzione e della corte,è disillusa e reagisce accumulando, come simboleggiano i vari oggetti presenti in scena, e ridicolizza Milo, giovane inesperto che le fa la corte e, pauroso, ha anche abbandonato il mestiere di soldato, ma non fa che vantarsi con lei delle sue prodezze. I due si cercano e tentano un approccio, senza mai concretizzare il loro incontro, fino a che Lesbina lo allontana e rivendica la sua libertà.

LESBINA E MILO_3

Nell’allestimento, tra un atto e l’altro, troviamo immagini di teatri abbandonati e in rovina, che danno allo spettatore l’opportunità di contemplare un mondo in cui la bellezza è appassita, in cui la magia del teatro è ridotta ad ammassi di frammenti di scenografie. Spiega Benito Leonori: “I corpi addormentati dei magazzini tornano per il dormiveglia della messa in scena dove l’abbandono è il paesaggio di un’esistenza tra il dramma e la commedia”.
Il finale si esprime in maniera metateatrale: le persone che hanno lavorato per allestire lo spettacolo si ritrovano sul palcoscenico, muniti di mascherina, continuando il loro lavoro e mescolandosi ai personaggi. Il confine tra finzione e realtà è debole, ma il messaggio simbolico è chiaramente rappresentato: “finché attorno ad una prima si riuniscono le persone che servono per allestire uno spettacolo, c’è speranza; a Jesi si ricomincia” (Deda Cristina Colonna).

Lesbina e Milo_Jesi (2) Lesbina e Milo_Jesi (5)

A cura di Chiara Petrucci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.