Teatro Pergolesi, tutti gli appuntamenti di novembre

Ultimo appuntamento, domenica 3 novembre alle ore 17 al Teatro Pergolesi di Jesi, per il XIII Festival Pergolesi Spontini, dedicato quest’anno al rapporto tra musica e potere, in un percorso multidisciplinare tra musica arte e cinema che mette in luce affinità e contrapposizioni tra Gaspare Spontini e i due grandi compositori di cui si celebra il bicentenario della nascita: Richard Wagner e Giuseppe Verdi. Chiude il festival il concerto “Archetto armonico” della violinista giapponese di fama internazionale Yuzuko Horigome, in duo con Luc Devos al pianoforte. All’evento, curato della Fondazione Pergolesi Spontini, collaborano il Comune di Camerata Picena, neo partecipante aderente alla Fondazione, ed inoltre le associazioni Residart e Macrocosmi, e giunge al termine della I masterclass di violino, tenuta dalla Horigome a Camerata dal 27 ottobre al 6 novembre. Nata a Tokyo, Yuzuko Horigome ha iniziato a studiare pianoforte all’età di 4 anni e violino a 5. Nel 1980 ha vinto il First Great Prize al prestigioso Queen Elisabeth Competition di Bruxelles. Questo è stato l’inizio di una serie di concerti in tutto il mondo, sotto la direzione di Claudio Abbado, André Prévin, Kurt Masur, Charles Dutoit, Riccardo Chailly, Erich Leinsdorf, Seiji Ozawa, Ivan Fischer, Simon Rattle, Sandor Vegh, Vladimir Ashkenazy, Herbert Blomstedt tra gli altri. Si è esibita in tutto il mondo con orchestra e in festival di fama internazionale, e con eccezionali artisti come Martha Argerich, Nobuko Imai, Mischa Maisky, Charles Neidich, Jean-Marc Luisada, Abdel Rahman El-Bacha, Gidon Kremer, Janos Starker, Rudolf Serkin.

In occasione dei 120 anni dalla prima rappresentazione del “Falstaff” e del bicentenario della nascita del suo autore, Giuseppe Verdi, la 46^ Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi propone l’ultima opera del grande compositore venerdì 22 novembre alle ore 20.30, con replica domenica 24 novembre alle ore 16 ed anteprima giovani mercoledì 20 novembre alle ore 16, in un nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Ente Concerti Marialisa De Carolis di Sassari. Sul podio è il direttore d’orchestra Giampaolo Maria Bisanti; firma la regia Marco Spada, le scene sono di Benito Leonori, i costumi di Alessandro Ciammarughi, light designer è Fabio Rossi. Cantano Ivan Inverardi (Sir John Falstaff), Silvia Dalla Benetta (Mrs Alice Ford), Francesco Verna (Ford), Romina Boscolo (Mrs Quickly), Barbara Bargnesi (Nannetta), Daniela Innamorati (Mrs Meg Page), Fabrizio Paesano (Fenton), Andrea Giovannini (Dott. Cajus), Roberto Jachini Virgili (Bardolfo), Carmine Monaco (Pistola).
Il Falstaff può essere considerato il testamento di Giuseppe Verdi che, ormai ottantenne e alla fine di una carriera gloriosa, decise di scrivere un’opera comica pescando ancora una volta da un soggetto shakespeariano, da “Le allegre comari di Windsor”. L’allestimento di Jesi è ambientato nell’anno della composizione e si svolge all’interno di un teatro. Sparisce la locanda di Falstaff ed ecco i camerini di un teatro nei quali Falstaff e Quickly si preparano al loro incontro-scontro che darà vita a tutta l’azione. Allo stesso modo la scena della seduzione di Alice da parte di Falstaff in casa Ford, è ambientata in una sartoria teatrale dove, attaccati ai manichini, ci sono i costumi di foggia ottocentesca che mostrano come nell’Ottocento si interpretasse il Rinascimento e, allo stesso tempo, richiamano anche i personaggi delle opere verdiane. Un omaggio al maestro di Busseto che ricorre nel Falstaff anche con una serie di citazioni alle precedenti opere.
Per il pubblico del “Falstaff”, la Fondazione Pergolesi Spontini propone l’incontro “Il libretto in 30 minuti”, breve guida all’ascolto gratuita presso le Sale Pergolesiane a cura di Elena Cervigni (prenotazione obbligatoria).

JESI – Proseguono infine gli appuntamenti della prima edizione di “Visioni d’opera” al Teatro Moriconi di Jesi, una nuova iniziativa della Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con Metis Film, Unitel Classica e Classica Italia con la proiezione in alta definizione (full hd)di opere del grande repertorio registrate in palcoscenici internazionali.
Il 7 novembre appuntamento con “Tosca” di Giacomo Puccini dall’Arena di Verona , con la direzione di Daniel Oren e la regia di Hugo de Ana, interpreti Fabio Previati, Fiorenza Cedolins, Marcelo Alvarez, Marco Spotti e Ruggero Raimondi. Il 21 novembre viene proiettata “Aida” di Giuseppe Verdi dal Teatro Regio di Parma, direttore Antonino Fogliani, regia Joseph Franconi Lee, interpreti Carlo Malinverno, Mariana Pentcheva, Susanna Branchini, Walter Fraccaro, George Andguladze, Alberto Gazale. Il 5 dicembre si propone “La sonnambula” di Vincenzo Bellini dal Teatro La Fenice di Venezia, direttore Gabriele Ferro, regia Bepi Morassi, interpreti Anna Viola, Dario Ciotoli, Giovanni Battista Parodi, Jessica Pratt, Julie Mellor, Raffaele Pastore, Shalva Mukeria. Si chiude il 12 dicembre con “Otello” di Giuseppe Verdi dal Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia, con la direzione di Zubin Mehta, la regia di Davide Livermore e nella compagnia di canto Gregory Kunde, Maria Agresta, Carlos Álvarez, Marcelo Puente, Mischa Schelomianski, Mario Cerdá, Seung Pil Choi, Cristina Faus, Boro Giner.
Biglietto unico € 5

Il XIII Festival Pergolesi Spontini e la 46esima stagione lirica di Jesi, organizzate dalla Fondazione Pergolesi Spontini sotto la guida dell’Amministratore Delegato William Graziosi e del Direttore Artistico Gianni Tangucci, si avvalgono del sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dei Soci Fondatori (Regione Marche, Comune di Jesi, Comune di Maiolati Spontini), dei Partecipanti Aderenti (Comuni di Camerata Picena, Monsano, Montecarotto, Monte San Vito, San Marcello), del Partecipante Sostenitore (Camera di Commercio di Ancona), dei Fondatori Sostenitori (Art Venture: Gruppo Pieralisi, Leo Burnett, Moncaro, New Holland-Gruppo Fiat, Starcom Italia), con il patrocinio del Consiglio Regionale delle Marche. Sponsor principale è Banca Marche.
Comunicato da: Ufficio stampa Fondazione Pergolesi Spontini:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*