Teatro Pergolesi, tutto esaurito per il MACBETH di Verdi | Password Magazine
Festival Pergolesi

Teatro Pergolesi, tutto esaurito per il MACBETH di Verdi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Grande successo con il Teatro Pergolesi di Jesi gremito di ragazzi delle scuole medie superiori per l’anteprima giovani del “Macbeth” di Verdi con la regia di Henning Brockhaus, le scene di Josef Svoboda ricostruite da Benito Leonori e i costumi di Nanà Cecchi. Applausi a scena aperta per il direttore di Giampaolo Maria Bisanti e per gli interpreti Luca Salsi,  Tiziana Caruso, Mirco Palazzi, Thomas Yun. Alla fine dello spettacolo, tante chiamate sul palco per il cast, con gli studenti che non volevano andar via dal teatro. Domani venerdì 9 novembre alle ore 21 la prima, domenica 11 novembre alle ore 16 la replica. Teatro tutto esaurito, in vendita 100 posti di loggione per venerdì e 100 per domenica.

Dopo dici anni di assenza, torna al Teatro Pergolesi di Jesi il “Macbeth” di Verdi. Opera poco eseguita nei teatri lirici, ma, di indubbia bellezza, a Jesi fu rappresentata solo due volte: nel 2002, e ancor prima nel 1990. Andata in scena nel 1847 al teatro La Pergola di Firenze e poi parzialmente riscritta nel 1865 per Parigi, il Macbeth è entrato stabilmente in repertorio solo dal 1952, quando fu rappresentato trionfalmente al Teatro alla Scala di Milano con Maria Callas nei panni della protagonista femminile.

Secondo titolo del cartellone della 45esima Stagione Lirica di Tradizione, il Macbeth di Verdi va in scena da venerdì 9 novembre alle ore 21 (replicadomenica 11 novembre ore 16) in un nuovo allestimento della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con la Fondazione Teatro Lirico G. Verdi di Trieste e la Fondazione Teatro Carlo Felice di Genova. Mercoledì 7 novembre alle ore 16 si è tenuta, come di consuetudine, una recita dedicata agli studenti delle scuole superiori di Jesi e provincia di Ancona, nell’ambito del progetto didattico della Fondazione intitolato “Ragazzi all’opera”. Ed è stato un vero successo, con il Teatro gremito di studenti fino al loggione.

Molto apprezzate la regia di Henning Brockhaus e le scene magnifiche di Josef Svoboda, l’artista boemo che ha rivoluzionato con i suoi allestimenti e con l’uso delle luci la scenografia contemporanea. I due realizzarono questo “Macbeth” nel 1995 per uno allestimento di grande successo al Teatro dell’opera di Roma, che andò perduto negli anni seguenti. Grazie a Benito Leonori, che ne ha ricostruito le scene nei Laboratori Scenografici della Fondazione Pergolesi Spontini, lo storico spettacolo ha ripreso vita e circuiterà nel 2013 a Genova e Trieste. Bellissimi i costumi, di Nanà Cecchi, nei torni del grigio, del rosso-sangue e dell’oro simbolo del potere regale. Suggestive le scenografie di Maria Cristina Madau, particolarmente apprezzate nelle acrobazie aeree delle streghe.

Applausi a scena aperta da parte dei ragazzi per il direttore d’orchestra milanese Giampaolo Maria Bisanti, sul podio della FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana, per il Coro Bellini diretto da Pasquale Veleno, e per i quattro protagonisti che hanno debuttato a Jesi i loro ruoli: la Lady Macbeth di Tiziana Caruso, il Macbeth di Luca Salsi, il Banco di Mirco Palazzi ed il Macduff di Thomas Yun. Nella compagnia di canto sono inoltre Dario Di Vietri (Malcolm),Miriam Artiaco (Dama di Lady Macbeth), Carlo Di Cristoforo (Medico) e Andrea Pistolesi (Domestico di Macbeth, Sicario e Araldo). Il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” è diretto da Pasquale Veleno.

Per la prima di venerdì 9 novembre e la replica di domenica 11 novembre, il Teatro Pergolesi è tutto esaurito ma saranno messi in vendita in ciascuno dei due giorni 100 posti di loggione: 50 la mattina (dalle ore 9,30) e 50 il pomeriggio (dalle ore 17) di venerdì, e 100 nel pomeriggio a partire dalle 15 di domenica.

Biglietti: da 15 a 66 euro.

Informazioni: Fondazione Pergolesi Spontini tel. 0731.202944 www.fondazionepergolesispontini.com

Biglietteria Teatro Pergolesi tel. 0731-206888

Comunicato da: Fondazione Pergolesi Spontini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.