Teatro pieno per la prima de "La Fuga in Maschera" di Spontini | Password Magazine
Festival Pergolesi

Teatro pieno per la prima de "La Fuga in Maschera" di Spontini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Tutto esaurito al Teatro Pergolesi di Jesi per la prima del Festival Pergolesi Spontini “La Fuga in Machera”.

L’opera fu rappresentata nel 1800 un’unica volta al Teatro Nuovo sopra Toledo, a Napoli, per la stagione di carnevale di quell’anno e poi scomparve nel nulla per oltre due secoli. La partitura, manoscritto autografo di Gaspare Spontini, sembrava perduta sino a quando fu recuperata da un’antiquaria londinese e acquistata dal Comune di Maiolati Spontini.

La fuga in maschera è la classica opera buffa napoletana, basata su un turbinio di fraintendimenti, lazzi e comportamenti grevi, in cui tutti i protagonisti si rivelano altro da ciò che vogliono sembrare.

La storia si apre a casa di Marzucco, il solito vecchio padre, alle prese con le nozze della figlia Elena, una giovane poco avvenente destinata sposa ad tipetto decisamente ambiguo, il Dottore Doralbo. Ma Elena è innamorata di Nardullo, contadinello squattrinato. Ad avere delle mire su Doralbo è Olimpia, cugina di Elena, che vuole convolare a nozze con il presunto medico. L’arrivo in casa anche di Corallina, sorella di Nardullo e girovaga, tradita in amore da Doralbo, porta lo scompiglio tra le mura domestiche. Il tutto si risolve nel meta-teatro, in un gioco di scambio delle parti, che vedrà appunto … la fuga in maschera.

Trasformazione e travestimento, tema di questa edizione del Festival Pergolesi Spontini, sono dunque elementi chiave nella vicenda proposta da La fuga in maschera, un complesso intreccio di vite di personaggi buffissimi, maschere comiche, tenere e spietate di un mondo teatrale che oggi non c’è più.

La rappresentazione dell’opera, diretta da Corrado Rovaris, con la regia di Leo Muscato e accompagnata dall’orchestra I Virtuosi Italiani, è adattata al pubblico moderno attraverso scenografie, coreografie e abiti accattivanti e ispirate ai nostri giorni.

Elena e Olimpia indossano abiti di color fluo dallo stile apparentemente settecentesco, con la gonna a palloncino che arriva fino alle ginocchia, lasciando intravedere scarpe con la zeppa. Nardullo è un bizzarro contadino dai lunghi capelli rasta. Decisamente gotico, invece, il look di Corallina. I personaggi ballano la macarena mentre un gruppo di quattro figuranti, quasi sempre presente sulla scena, seguono la vicenda in silenzio, il più delle volte ironizzando e schernendo quanto accade ai protagonisti. Il tutto in una scenografia che è un tripudio di colori, con margherite e cuori proiettati sulla scena.

Un cast di attori eccezionali con interpreti di spicco quali Ruth Rosique (Elena), Caterina di Tonno (Olimpia), Alessandra Marianelli (Corallina), Clemente Daliotti (Nardullo), Filippo Morace (Marzucco), Alessandro Spina (Nastagio), Dionigi D’Ostuni (Doralbo).

La fuga in maschera di Gaspare Spontini tornerà in replica il 2 settembre, alle ore 20. Uno spettacolo assolutamente da non perdere, per la sua valenza storica, culturale ed artistica.

 a cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.