«Tempo di Coronavirus, una prova di resistenza e cambiamento»

La psicoterapeuta dott.ssa Roberta Anselmi

LA RUBRICA della psicoterapeuta dott.ssa Roberta Anselmi

Condivido alcune riflessioni che spero possano contribuire ad allargare il ventaglio di pensiero e di
consapevolezza in questo tempo di Coronavirus.

Nessuno di noi credo immaginasse di potersi trovare in un momento storico-sociale così sconvolgente ed incerto a livello planetario. Dobbiamo far fronte ad una serie di cambiamenti inattesi, a volte non chiari, che velocemente si susseguono e mutano, ma che siamo chiamati tutti a cavalcare in modo rapido e deciso. Il clima è surreale e ciò che ci viene caldamente detto di fare sembra cozzare col mondo reale. Per noi essere umani non è affatto facile, sia perché dobbiamo fare i conti con alcuni aspetti poco digeribili, come l’accettazione dell’impotenza e della nostra fragilità, sia perché poco allenati a fare insieme, ad agire secondo uno spirito comunitario, piuttosto che meramente individualistico.

Facciamo difficoltà a lasciare le nostre abitudini per prenderne delle nuove, oltretutto imposte, richiedenti sacrificio, ma fondamentali alla tutela della salute di tutti. Le abitudini poggiano su un senso di ripetitività e prevedibilità e, per questo, infondono sicurezza. Sin da piccoli ci adattiamo all’ambiente affettivo dove viviamo, prima ancora di pensarlo.

Questo significa che i bambini impareranno, per osservazione, imitazione e in modo implicito (procedurale), nelle ripetute esperienze relazionali con le figure d’attaccamento, cosa aspettarsi dai grandi se agiscono in un modo piuttosto che in un altro; così facendo struttureranno e manterranno quei comportamenti più sicuri, mentre abbandoneranno quelli meno garanzia di vicinanza e sicurezza affettiva. Quindi le abitudini sono necessarie e di valore adattativo. Inoltre organizzano la nostra vita quotidiana, rimandandoci quella sensazione di senso compiuto e di valore identitario. Ora si deve stravolgere tutto, abbandonare ciò che era familiare e, dunque, percepito come sicuro, per rivedere il nostro modo di vivere e passare le giornate tenendo a braccetto precarietà, impotenza, incertezza.

Lasciare ciò che è noto, tollerando quella sensazione di perdita subita e di vuoto emotivo, almeno per un po’, non è facile né da ammettere né da sostenere, ma occorre farlo per se stessi e per la collettività. Abbiamo un dovere civile, etico, umano verso noi tutti di aiutarci a vicenda, perché seguire le norme prescritte dalle alte Istituzioni significa preservare, in termini darwiniani, la specie umana,  la vita personale e del prossimo, non solo dell’altro simile a me, ma in primis dei nostri cari. Si tratta di fare quello che evolutivamente siamo portati a fare: collaborare, aiutarci a vicenda per tenere i legami e sentirci meno soli. Allora perché sembra così difficile? Perché emerge tanta resistenza a seguire le regole ed alla cooperazione? Accettazione e Adattamento sono parole chiave in tal senso. Quando ci viene tolta libertà stiamo male; la fatica e la rigidità che evidenziamo nel modularci alle novità parlano, dall’altra parte, del rimanere aggrappati alle nostre consuetudini, rendendoci un po’ schiavi di esse. 

Nel corso dei decenni ci siamo convinti di poter prevedere ogni cosa e di essere onnipotenti con uno smartphone in mano, padroni del mondo. Ora ci ritroviamo fragili di fronte alla dura verità da accettare: la precarietà della vita e l’idea della morte, sempre rifuggita anche col pensiero. Il nemico da combattere è invisibile, subdolo, insidioso e ci ha colti impreparati. Non siamo immuni ad esso, nessuno lo è. Tutto questo genera inevitabilmente angoscia e paura. Ancor di più se vige l’ignoranza contro la conoscenza. E la paura fa paura, ma sembra una cosa innominabile, da nascondere, agita poi più o meno inconsapevolmente con reazioni difensive di fuga o di sfida, del tutto irresponsabili, insensate, egoistiche. Sentirsi con la paura significa poter riconoscere, accogliere e tollerare la sensazione di essere vulnerabili, finiti, esposti a possibili attacchi. Comprensibile sia difficile, però diciamocelo, perché questo distende, libera e fa circolare condivisione “a distanza”.

Dover ammettere che è successo qualcosa di serio ed inedito, in cui siamo stati catapultati improvvisamente e che ci riporta terribilmente alla nostra natura finita, di esseri che possono far tanto ma che sono, al contempo, impotenti su altro, è emotivamente più difficile da sopportare, rispetto al credere, illudendosi, che “tanto a me non prende”. Diciamoci tutto questo apertamente e senza vergogna! L’attaccamento ai nostri modi consueti di fare e di muoverci non elude la sofferenza, anzi la mantiene, e non aiuta certo a combattere il coronavirus. Ha però uno scopo preciso: quello di placare il bisogno umano di normalizzare e controllare ciò, che appare sconosciuto ed aggressivo. L’atteggiamento rifiutante e di negazione della realtà allontana dalla possibilità di agire in modo cosciente, con un senso profondo di bene comune ed alimenta isterismi collettivi.

Non si vince né sottovalutando né sovrastimando allarmandosi, bensì cercando meglio possibile di mantenere un atteggiamento realistico, consapevole e responsabile. Pensare che come me, ogni altro compaesano possa fare lo stesso in questo momento, aiuta a sentirsi meno soli ed a reggere il peso della situazione in modo più efficace ed utile. Ci troviamo in una sorta di coesistenza coatta, potenziale occasione, però, di rivoluzione umana, perché dalle crisi nascono possibilità di scelta e cambiamento, così come dal dolore si forgia sempre nuova forza. Che valore poter dare a questa drammatica esperienza? Sin da ora possiamo chiederci cosa farne. Dover fermare forzatamente il fare frenetico della quotidianità ci può far riscoprire la preziosità dell’avere un momento di silenzio, del sentire se stessi e del sentirsi insieme agli altri, del dare voce a quello che si agita in noi, a come lo stiamo affrontando, creando collegamenti emotivi tra persone, possibili anche a distanza, utili a sostenere il fardello di quanto esperito. La situazione ci impone di stare in casa ritirati, ma non può impedire la comunicazione interpersonale e oggi più che mai, le nuove tecnologie si rivelano fondamentali e ci vengono in soccorso laddove possibile e compatibilmente ad una serie di condizioni.

Diventa potenziale occasione per rivedere il senso e l’uso del digitale, come veicolo di contatto umano, al servizio delle persone. In tal senso saremmo di fronte una vera rivoluzione per l’uomo, che si risentirebbe protagonista attivo di se stesso, in grado di scegliere che posto e che ruolo dare a questi nuovi mezzi comunicativi, senza esserne travolto e senza condannarli in senso assoluto. Confrontarsi, esprimersi, spiegare, anche ai più piccoli con parole semplici, quello che sta accadendo e cosa suscita risultano vitali. La condivisione fa sentire vicini ed uniti, rassicura e conforta, ed è possibile anche se al momento non ci si può abbracciare o toccare, perché va al di là della fisicità. In aggiunta, questa si paventa come occasione, a portata di mano di tutti, per reinventare il tempo insieme, senza dover fare chissà cosa, riscoprire il valore ed il piacere delle piccole cose (come ad esempio un gioco da tavola, cucinare, leggere un libro, fare una passeggiata) ed anche annoiarsi, perché dalla noia si scoprono nuove capacità e creatività. Ci viene chiesto di rinunciare a tanto e ce ne possiamo rendere conto dalle probabili sensazioni di rabbia impotente, frustrazione, preoccupazione e scoramento, connesse alle privazioni ed alle limitazioni imposte e non scelte. Viene da far finta di niente, minimizzare, impiegare strategie di evitamento, ma occorre essere consapevoli di tali movimenti, della loro inutilità e della loro probabile dannosità collettiva. Tendiamo spesso a soffermarci, protestando, solo su quello che ci viene tolto o che non ci va bene; guardiamo solo a quello a cui dobbiamo rinunciare con sacrificio; proviamo ad andare oltre per trovare e magari riscoprire qualcos’altro da recuperare e tornare a coltivare come sperimentare nuovamente affetti e tornare a parlarsi. Occorre resilienza attiva. L’essere resilienti prevede essere capaci di adattarci agli urti che arrivano, imprevisti, incontrollati, rimodellarci, essere flessibili. La flessibilità genera guarigione. Inoltre contiene anche l’accettazione della nostra condizione di esseri impotenti, che non significa falliti o arrendevoli, ma in grado di riconoscere i nostri limiti e rispettarli, per poter puntare sulle nostre risorse e capacità. 

Va ricordata, inoltre, la motivazione più grande che può e deve muoverci, legata alla presenza di un bene collettivo superiore a quello personale, raggiungibile mettendo da parte un pezzo di se stessi, in vista di qualcosa di più e di diverso da quello che si avrebbe avanzando per scopi meramente individuali. Insieme è possibile farcela! Questo disastro di entità globale può esserne la prova e diventare occasione per ripensare alle priorità umane e rivedere la scala di ciò che conta, a partire dal micro contesto di vita fino ad arrivare ai macro contesti più allargati. Da questa prova ne usciremo tutti cambiati, volenti o nolenti, consapevoli o inconsapevoli, ma sarà così…speriamo di poter mettere a frutto insieme ed al meglio i semi di tale trasformazione!

Dott.ssa Roberta Anselmi

Riferimenti e contatti

Dott.ssa Roberta Anselmi – psicoterapeuta cognitivo-evoluzionista

Riceve in Via Puccini, 1 – Centro Il Piccolo Principe, Jesi 

Tel. 340-9473519

Mail.  R.anselmi1@gmail.com

1 Commento su «Tempo di Coronavirus, una prova di resistenza e cambiamento»

  1. un bell’articolo che secondo me ha colto in pieno nel segno
    e ha chiamato ogni cosa col suo nome senza girarci intorno.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.