Tentata rapina nella notte, aggredita la vittima. Carabinieri arrestano tre banditi | | Password Magazine

Tentata rapina nella notte, aggredita la vittima. Carabinieri arrestano tre banditi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Erano circa le 2,30 di questa mattina, quando alla centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Jesi è giunta la richiesta di intervento da parte di un cittadino pakistano – un operaio di 44 anni – il quale, poco prima, aveva sorpreso tre individui nel tentativo di rubargli  la macchina, una vecchia Fiat punto che aveva lasciato parcheggiata sotto la sua abitazione in via Setificio. Fortunatamente, però era riuscito a bloccarne uno, mentre gli altri due si erano dileguati.

Sul posto un equipaggio del Nucleo radiomobile, diretto dal Maresciallo Roberto Scarpone, e personale del Nucleo Operativo diretto dal Maresciallo Fabio del Beato, hanno accertato che poco prima, effettivamente, tre individui avevano tentato di rubare l’autovettura del pakistano.

Successivamente, il pakistano raccontava di aver inseguito i tre, insieme al figlio 22enne, a piedi scalzi, riuscendo a fermarne uno che, pur di garantirsi l’impunità, gli aveva sferrato un pugno. Scoppia una colluttazione mentre gli altri due criminali si allontanavano, non prima di aver minacciato la vittima e suo figlio. A quel punto, l’uomo decideva di rivolgersi al 112.

Inizia così, una vera e propria caccia all’uomo prolungatasi per qualche ora anche con l’intervento di altri 10 militari.

Verso le ore 04,00,  i Marescialli Del Beato e Scarpone, grazie alle intense attività di controllo e presidio del territorio svolte negli ultimi tempi, intuiscono dalla descrizione l’identità dei tre e localizzano i due fuggitivi all’interno dell’abitazione di uno di loro, l’unico domiciliato a Jesi.

Data la meticolosa descrizione che ne era stata fatta dalle vittime, considerati gli indumenti indossati che altrettanto meticolosamente erano stati descritti, avuta la certezza che ci si trovasse di fronte ai correi, i due sono stati condotti in caserma insieme al loro complice già precedentemente fermato. Tutti e tre – due italiani quelli localizzati nell’abitazione di uno di loro, G.M. e V.O., entrambi 32 enni, nonché un albanese S.G. 38 enne, fermato dal pakistano, sono stati arrestati per tentata rapina in concorso e, dopo le formalità di legge, sono stati condotti presso il carcere di Montacuto a disposizione del PM di turno.

Ora i militari del Nucleo Operativo devono fare chiarezza sull’interesse dei tre per una Fiat Punto, il cui valore di mercato non va oltre i 500 euro, quando nella loro disponibilità i tre avevano un Kia Carnival di recente immatricolazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.