Tenute Pieralisi, presentata la nuova linea di vini ad impronta biologica | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Tenute Pieralisi, presentata la nuova linea di vini ad impronta biologica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SCORCELLETTI – Tradizione e innovazione è il connubio vincente della nuova azienda agricola di impronta biologica che va sotto l’etichetta di Tenute Pieralisi, presentata questa mattina alla stampa presso le cantine di Scorcelletti, al centro della grande vigna di Colle del Sole.
Non più dunque solo Vini Monteschiavo ma anche una nuova linea di prodotti figlia di un’agricoltura “antica” in cui tutte le scelte fatte sono funzionali alla ricerca dell’eccellenza, nel pieno rispetto dell’ambiente e dei naturali cicli vitali, con processi produttivi standard vegani.

“Il vino è uno dei prodotti più antichi dell’umanità e, come tale, ha subito dei cambiamenti nel corso della storia di pari passo con l’evoluzione dei gusti – ha detto l’Ing. Gennaro Pieralisi – Il vino è buono quando risponde alle attese: così, anche l’azienda ha voluto prendere la via dell’innovazione, per soddisfare i palati e conquistare nuovi mercati”. Parole di soddisfazione ed emozione per il risultato raggiunto anche da Andrea Pieralisi, amministratore delegato dell’azienda: “Nel vino i tempi sono dettati dall’agricoltura e dal buon Dio e tutto si ricollega ad una dimensione umana che forse in altre realtà è scomparsa: contrariamente ad altre attività produttive del globo, diventati “folli” nella rincorsa alle innovazioni, noi abbiamo dovuto fare i conti con i ritmi della natura e ,per questo, ci abbiamo impiegati non mesi ma diversi anni per dare vita a questo progetto. Ora siamo pronti e non rimane che la prova del mercato che sono convinto sarà positiva”.

Il nuovo staff tecnico è guidato da Carlo Ferrini, l’enologo che ha plasmato il prodotto, orientandolo principalmente verso la salvaguardia e la valorizzazione della tipicità delle uve prodotte dai vigneti Pieralisi, anche grazie ad ammodernamenti e a pratiche enologiche semplici e mai invasive: “La qualità prima di tutto, alla ricerca delle migliori condizioni biologiche – ha detto Ferrini – Abbiamo cambiato completamente ciò che si faceva in agricoltura e in cantina, introducendo la fermentazione con lieviti naturali e autoctoni, già presenti nel vigneto”. I lieviti esaltano le caratteristiche di questa terra, aggiunge Simone Schiaffini: “C’è pieno rispetto per ciò che è tipico, con attenzione alla tradizione e all’innovazione, grazie alla dinamicità della famiglia Pieralisi”.

Fanno ingresso sul mercato le prime tre etichette di Tenute Pieralisi: si tratta del Villaia, un verdicchio classico superiore, il Caccialepre, un rosso piceno del 2015, e il Re di Ras, il top dell’azienda 2013, rimasto in affinamento per circa un anno all’interno di fusti di rovere francese.

Vini di grande qualità ma prodotto in minor quantità: poco più di 6 mila le bottiglie Villaia 2016, stessa cosa per il Caccialepre del 2015 mentre è di poco più di 3 mila la produzione del Re di Ras.

In programma il lancio di nuove etichette nel 2018 così come è in arrivo a fine settembre il Verde di San Settimio, l’olio extravergine di Tenute Pieralisi, sempre di impronta biologica, ricavato da una raccolta superprecoce di olive nel primo stadio di maturazione.
“Non dimentichiamoci – conclude Gennaro Pieralisi – che la civiltà dell’uomo è nata sotto l’ombra di un’olivo e con un calice di vino in mano”.

 

Chiara Cascio

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.