Teppisti ai giardini, Gregori (LN): "Occorre ripartire da regole e dalla famiglia" | | Password Magazine

Teppisti ai giardini, Gregori (LN): “Occorre ripartire da regole e dalla famiglia”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Anche il consigliere comunale Lega Nord Silvia Gregori esprime le proprie considerazioni in merito ai recenti atti vandalici che hanno interessato il monumento dei caduti ai giardini pubblici: “Ho letto con attenzione l’articolo riguardante gli atti vandalici ai danni dei giardini pubblici, dove gli autori, dei giovanissimi ragazzi annoiati, sono stati ripresi da un telefonino mentre si lanciavano tra loro la corona d’alloro apposta ai piedi del monumento dei caduti, quasi fosse un gioco con cui divertirsi nelle afose serate di questa estate 2017.

Contrariamente , a quanto dichiarato recentemente dal PD, io sono d’accordo che il video sia stato reso pubblico da parte del sindaco Bacci, un gesto difficile ma coraggioso, che non nasconde – come insito nella natura di alcuni esponenti di partito – deprecabili atteggiamenti, seppur commessi da giovani e minori, che non vanno coperti o velati, ma evidenziati per dar modo anche magari ai malcapitati genitori o conoscenti ( ove fosse possibile) di prenderne atto. Un atto grave che va condannato perché lesivo non solo di ciò che rappresenta il monumento ma di un’intera generazione che prova a scollarsi di dosso certe etichette e che si impegna attivamente a scuola, nello sport e nel sociale!

Ma allora come frenare questo senso di vuoto o vuoto di senso?

Credo che sia appannaggio delle famiglie, ricorrendo se necessario a specialisti, un compito ingrato e difficile ma che spetta in primo luogo ai genitori, D’altro canto la nostra società “civile” ha  distrutto la scuola, smantellato la famiglia, allargandola e surrogandola, trasformato la televisione in una baby sitter a costo zero, ha allontanato il futuro di un lavoro, oramai sempre più precario e invisibile pur con il conseguimento di ottimi studi. Tutto questo, quando invece , ai miei tempi, una sana educazione che a volte passava anche per la sberla, è diventata una forma di violenza sui figli secondo alcuni socio pedagogisti.

Non ci lamentiamo se ci troviamo un esercito di zombie con la dipendenza da cellulari e computer: questo è solo il frutto di una società  dove si è sempre più concentrati solo su se stessi, genitori compresi,  sempre meno disposti a voler concedere il proprio tempo.

Per questo motivo, non trovo  giusto scaricare il mal compiuto sulla mancanza di strutture adeguate per il disagio giovanile, iniziamo invece a ripartire dalle regole che vanno rispettate, perché la vita è questa e non una fiction. Lode a quei genitori e figli che, anche attraverso  lo sport, hanno mantenuto una canale aperto dove far passare ancora i valori che  salveranno la vita.

La vita è come lo sport, è una disciplina in fondo e per ambire a buoni se non eccellenti  risultati bisogna applicarsi e allenarsi continuamente, ma il ruolo  centrale e fondamentale della famiglia (a parte casi gravi di degrado) non va confuso e sostituito con nessun altro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.