Terapeuta e terapia, saper sceglier ai tempi del covid (...e non solo!) | Password Magazine
Festival Pergolesi

Terapeuta e terapia, saper sceglier ai tempi del covid (…e non solo!)

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Rubrica a cura della psicoterapeuta dott.ssa Roberta Anselmi

La complessità della ripresa e i risvolti psico-emotivi post-emergenza possono mettere a dura prova l’equilibrio personale e la richiesta di aiuto rivelarsi più che mai frequente e preziosa. In tal senso scegliere terapia e terapeuta “giusti” è fondamentale. Nel primo articolo ho toccato questo tema e vorrei ritornarci perché degno di approfondimento. La scelta è soggettiva, diversa a seconda del bisogno, del momento emotivo vissuto, della motivazione personale, che dà senso all’impegno con se stessi e col percorso terapeutico. Affinché ci si orienti meglio possibile con responsabilità e consapevolezza, si può tener conto di due tipologie di aspetti: curricolari e relazionali. I primi riguardano tutti quegli aspetti che qualificano professionalmente un terapeuta, come anni di esperienza lavorativa, formazione, tipo di specializzazione scelta. È importante chiedere da parte della persona, è doveroso spiegare da parte del terapeuta, ad esempio, l’esistenza di diverse scuole, il proprio orientamento teorico e metodologico e come solitamente lavora. I secondi aspetti riguardano strettamente la relazione terapeutica, in particolare evidenzio fiducia, accoglienza, procedere congiunto. Sin dalle prime battute si instaura fiducia, che poi continuerà ad essere costruita e rivisitata nel corso del lavoro. Non è esente da momenti di rottura, che non per forza equivalgono o conducono alla fine del rapporto; le crisi possono essere evidenziate ed affrontate insieme così da rinsaldare l’alleanza e la stessa relazione terapeutica. L’accoglienza è un altro elemento essenziale sin da subito, grazie alla quale creare quello spazio comprensivo in cui muoversi senza sentirsi giudicati né diretti dall’alto e dare voce alla propria sofferenza, sentendo che il terapeuta sarà in grado di reggerla insieme. Infine procedere congiuntamente: cooperare, concordare e rivedere obiettivi, negoziare aspettative sono predittori di buon accordo terapeutico e di buon esito e concorrono alla costruzione di una solida relazione terapeutica in cui il paziente può sentirsi parte attiva e propositiva del suo percorso di cura.

La terapia, al pari di qualsiasi esperienza di vita, può avere effetti positivi, negativi o neutri e poggia su aspettative che vanno esplicitate e condivise. La loro realizzazione dipenderà dalla relazione costruita tra le parti, da quanto il terapeuta offrirà strumenti e ipotizzerà strade possibili per capire e gestire il problema ed il paziente segnalerà quanto siano praticabili, faticose, inutili. Così terapeuta e paziente orienteranno il lavoro, ricordando che il primo è esperto della mente, il secondo esperto di se stesso.

ROBERTA anselmi

Riferimenti e contatti

Dott.ssa Roberta Anselmi – psicoterapeuta cognitivo-evoluzionista

Riceve in Via Puccini, 1 – Centro Il Piccolo Principe, Jesi 

Tel. 340-9473519

Mail.  R.anselmi1@gmail.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.