Terapia al plasma nelle Marche: chi può donare e come funziona | Password Magazine

Terapia al plasma nelle Marche: chi può donare e come funziona

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Al via nelle Marche la sperimentazione della terapia al plasma. Questa mattina il presidente della Regione Luca Ceriscioli ha illustrato i dettagli del progetto che, approvato ieri, sarà in grado di offrire una risposta a pazienti con polmoniti covid, data la scarsità di altre forme terapeutiche riconosciute valide. È quanto afferma anche la dirigente regionale del servizio Sanità Lucia Di Furia, presente in conferenza stampa insieme al direttore del Dipartimento Interaziendale Regionale di Medicina Trasfusionale dottoressa Daniela Spadini, al professore Andrea Giacometti, direttore della Clinica universitaria di Malattie infettive di Torrette e responsabile del progetto, e al rappresentante del Comitato Etico Massimo Marinelli. Proprio quest’ultimo ha ribadito il via libera concesso ieri alla sperimentazione, esprimendo soddisfazione per il protocollo marchigiano.

Chi potrà donare il plasma?

«Il donatore è una persona che ha avuto la malattia e l’ha superata – spiega la dott.ssa Spadini -. Si può individuare tra gli abituali donatori, dunque tra soggetti già sottoposti ad accertamenti clinici e test sierologici che escludono la presenza di malattie trasmissibili nel sangue; oppure tra candidati che prima erano pazienti ma per i quali va verificata l’idoneità alla donazione, non essendo ancora soggetti al protocollo». Per questi secondi soggetti, l’accertamento prevede un percorso più lungo ma comunque fattibile. Il plasma, una volta donato, avrà la durata di conservazione di un anno. L’età dei candidati è compresa tra i 18 e i 60 anni.

plasma_sangue

Dove donare?

Il reclutamento del plasma avviene attraverso i poli ospedalieri di Pesaro, Fermo e Ancona. I donatori abituali possono rivolgersi anche alle Avis comunali o provinciali oppure ai centri trasfusionali presenti in Regione. Dopo la donazione, le unità prelevate subiscono processi che comprendono test anche aggiuntivi e un trattamento per ridurre la presenza di eventuali agenti patogeni.

Quando il paziente con polmonite covid va sottoposto a terapia?

Per il prof. Giacometti, la terapia è più efficace se «effettuata nella fase precoce della malattia e non al termine».  Ci sono già proposte di donazione e la fase attualmente ‘calma’ dell’emergenza consentono alla sperimentazione di procedere nei tempi giusti. «Noi ci siamo già attivati, il progetto è partito oggi e qualcuno è già disponibile – aggiunge Giacometti -. Oggi in reparto i pazienti da sottoporre alla cura sono uno o due ma il plasma che non serve in questo momento potrebbe tornare utile in futuro, grazie alla possibilità di congelarlo e di conservarlo per un anno.  Ci stiamo dotando anche della strumentazione necessaria».
A cura di Chiara Cascio

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.