Terranostra non trema e fa tappa a Jesi con Cile e Lituania | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Terranostra non trema e fa tappa a Jesi con Cile e Lituania

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Sabato 12 agosto torna in piazza della Repubblica, alle ore 21.30, il “Terranostra in Tour”, tappa itinerante del Festival Internazionale del Folklore in programma dal 9 al 15 agosto ad Apiro.

Due i Paesi con costumi e balli tradizionali: sono “Conjunto Integracion” dal Cile e il gruppo “Grandinele” dalla Lituania.

“Una serata che va considerata come parte integrante del Festival che si svolge ad Apiro, una manifestazione importante del territorio  – sono le parole dell’assessore alla Cultura Luca Butini – Un piccolo assaggio e anche un invito a partecipare alla kermesse “Terranostra”, rivolto a tutti gli appassionati del folclore e del buon cibo”.

Un appuntamento che da 47 anni è organizzato dall’associazione culturale “Urbanitas” in stretta collaborazione con l’Amministrazione comunale e che, quest’anno più che mai, è fortemente voluto da tutta la comunità di Apiro: “A causa dei danni provocati dal terremoto e la conseguente inagibilità del centro storico, la manifestazione si svolgerà in un luogo diverso dal centro storico, ovvero la pista di pattinaggio – spiega il presidente dell’associazione Urbanitas Federico Ciattaglia –  Abbiamo voluto percorrere con determinazione la via alternativa, decentrando lungo i viali anche la mostra mercato dei prodotti tipici locali e dell’artigianato Art&Terra”.

La festa ci sarà. Comunque. In nuovi spazi e anche, con piccole variazioni di programma: “I problemi legati al terremoto hanno reso necessario anticipare il gran galà finale di un giorno, pertanto non si svolgerà più a Ferragosto ma, per la prima volta, il 14 agosto – precisa Ciattaglia – Restano invariate invece al 15 la cerimonia ufficiale di scambio doni, la Santa Messa, arricchita dalla spiritualità dei gruppi ospiti e la coloratissima sfilata conclusiva”.

Tra i paesi ospiti di questa edizione Indonesia, Ungheria, Cile, Lituania, Messico, Russia e ovviamente l’Italia rappresentata dal “Urbanitas”, fiore all’occhiello della tradizione popolare marchigiana.

“I gruppi folcloristici che arriveranno saranno tra i migliori nel panorama folclorico mondiale – è l’intervento del sindaco Ubaldo Scuppa – Ci auguriamo per questa edizione un’affluenza ancora maggiore perché abbiamo bisogno di far conoscere il nostro territorio e di farlo rivalutare: non dobbiamo correre il rischio che il sisma faccia dimenticare un paese come il nostro”.

Una realtà profondamente segnata dal terremoto, con 215 ordinanze di sgombero e 180 persone che hanno perso la propria abitazione. Le cinque chiese del centro storico, compresa la cattedrale, sono ancora inagibili e l’unico luogo di culto rimasto è la piccola Chiesa della Figura. Chiuse anche tutte le scuole, tranne le medie.

“Il messaggio è di vitalità e di speranza per il futuro: la comunità ha voltato pagina e sta cercando di ripartire con nuovi impulsi verso la giusta ricostruzione – puntualizza il sindaco – Il paese c’è, è vivo e non merita di essere abbandonato ma conosciuto e visitato”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.