Terremoto, allarme valanghe nelle Marche. Ussita, oltre un metro di neve: impossibile raggiungere allevatori | | Password Magazine

Terremoto, allarme valanghe nelle Marche. Ussita, oltre un metro di neve: impossibile raggiungere allevatori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – La protezione civile delle Marche ha diramato un allarme valanghe sul territorio regionale. La misura è stata decisa – si apprende da fonti della Regione – a causa della neve e delle nuove scosse di terremoto superiori a magnitudo 5 registrate oggi.

Preoccupante il video messaggio pubblicato dal sindaco di Ussita Marco Rinaldi sui social: “Si aggiunge emergenza all’emergenza: la situazione neve è pesantissima, con oltre un metro di neve qui in piazza e difficoltà a raggiungere gli abitati di Casali e Vallestretta, dove ci sono gli allevatori che devono nutrire i propri animali. Abbiamo richiesto l’intervento di due macchine operatrici dell’esercito per raggiungerli. A questo si aggiunge il pericolo valanghe segnalato dalla Protezione civile, nella zona Monterotondo e dalle montagne limitrofe. Si teme Monterotondo che è vicino a Vallestretta, dove ci sono gli allevatori. Il nostro calvario non è ancora finito”.
 La terra è tornata a tremare nell’Italia centrale: sono state tre le scosse, con magnitudo sopra 5, avvertite in maniera molto forte in tutta l’Italia centrale nel corso della mattinata. Per ora il bilancio è di qualche crollo, in particolare il campanile della chiesa di Sant’Agostino ad Amatrice, già lesionata dalle precedenti scosse. Non si segnalano danni a persone. L’epicentro è stato localizzato nell’aquilano, generato dallo stesso sistema di faglie che si è attivato il 24 agosto e che ha colpito pesantemente anche il 30 ottobre.
E’ quanto emerge dalle prime analisi degli esperti al lavoro nella sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica Vulcanologia (Ingv): “E’ lo stesso sistema di faglie attivato il 24 agosto, ma a generare il terremoto di oggi è un segmento diverso”, ha detto all’ANSA la sismologa Paola Montone, dell’Ingv. La prima scossa è stata avvertita alle 10.25 con magnitudo 5.1; la seconda, la più forte delle tre, è avvenuta alle 11.14 con una magnitudo di 5.4; la terza dieci minuti dopo (11.25) di magnitudo 5.3. Decine le altre scosse registrate dall’Ingv, 3 sopra magnitudo 4, tante sopra magnitudo 3.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.