Testamento biologico, “Il diritto di scegliere”

JESI – “E’ un tema che coinvolge tutti, ma ci vuole coraggio per affrontarlo perché è ancora un tabù”, a parlare è Claudio Fratesi, psicoterapeuta e mediatore dell’incontro “Il diritto di scegliere” sul tema del testamento biologico,  che si è tenuto lo scorso 29 maggio a Palazzo dei Convegni. L’incontro, fortemente voluto della lista Laboratorio Sinistra, è stato anche l’occasione per ricordare la memoria dell’ex assessore, che quattro anni fa ha scelto la via del suicidio assistito in Svizzera, riportando all’attenzione pubblica il problema di una legislazione sul testamento biologico. “Per me Daniela è stata una maestra di vita e una carissima amica, grazie al suo sostegno ho portato avanti battaglie per l’abolizione delle barriere architettoniche. Ricordo di aver passeggiato con lei prima che partisse per la Svizzera. La sua forza ci manca.” ha raccontato Lucia Giatti per l’associazione “LiberaMente onlus per Daniela Cesarini”. “La vita ci riserva cose impensabili e noi cambiamo modo di rapportarci alla vita – ha dichiarato Monica Olioso, moglie e vedova di Max Fanelli, malato di SLA – Per questo motivo considero il testamento biologico un inestimabile patrimonio sociale”. La mancanza di una legislazione chiara sulle scelte personali legate al fine vita è una tema molto più dibattuto e controverso di quanto si pensi, per questo motivo sono state organizzate molte iniziative popolari come la raccolta firme per la “Legalizzazione dell’eutanasia”, sostenuta da quasi 100.000 cittadini italiani. La questione si sposta sul piano strettamente personale e su una scelta prevista anche dagli Art. della Costituzione: “C’è un diritto alla salute giustamente garantito dallo Stato – ha specificato Renato Biondini dell’associazione Luca Coscioni – ma anche un diritto alla rinuncia della salute, se contro la mia volontà sono sottoposto a cure che non voglio ricevere”. Ad oggi chi aiuta a morire un malato terminale rischia fino a 15 anni di carcere. “Vorrei sottolineare la riflessione di Lucia Giatti, quando ha detto che l’ascensore fatto installare in Comune a San Paolo, è usato da tutti non solo dalle persone in carrozzina” ha dichiarato Samuele Animali, candidato sindaco per Jesi in Comune e Laboratorio Sinistra – “Non si tratta di creare delle facilitazioni per qualcuno, ma garantire a tutti il diritto alla libertà e alla partecipazione, che passa anche per l’abolizione delle barriere architettoniche, come recita lo slogan della nostra campagna elettore: “Nessuno escluso”. Il concetto di Progettazione universale è quello in grado di formulare la Legge attraverso la quale lo Stato detta i modi e le forme con cui garantire ad ognuno l’esercizio della propria libertà”. Insiste sui diritti inviolabili di ciascuno, Claudio Fratesi per #LaboratorioSinistra quando afferma: “Vogliamo una società di diritti e di salute pubblica, ma anche il riconoscimento di uno spazio che garantisca  l’esercizio consapevole delle scelte che riguardano la vita di ognuno”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*