The Guardian of Jesi, nasce il primo videogioco ambientato in città | Password Magazine

“The Guardian of Jesi”, nasce il primo videogioco ambientato in città

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si chiama “The Guardian Of Jesi” ed è il primo videogioco di ruolo creato e sviluppato da Riccardo Cognini, 30 anni, jesino, ambiento in una realtà virtuale che omaggia la città e tutte le Marche. Il gioco, attualmente disponibile per Android (anche in versione gratuita da questo indirizzo), a partire dalla prossima settimana sarà scaricabile anche da PC e, nei prossimi mesi, da IOS.

Protagonisti, cittadini jesini che, in un futuro alternativo post guerra, si ritrovano a combattere nel territorio marchigiano, tra le due province di Ancona e Macerata, contro bande di criminali che vogliono sostituire il Chinotto alla Coca – Cola.

«La trama è comica e divertente, sviluppata intorno a questa battaglia tra i sostenitori dell’una o dell’altra bevanda – ci racconta Riccardo –  Il tutto in uno scenario diverso rispetto a quello attuale ma comunque nelle Marche, con ambientazioni reali e una mappa che permette di spostarsi tra più di dieci città, da Jesi a Chiaravalle e poi da Ancona a Senigallia fino ad Ostra Vetere ma anche viaggiare verso Cingoli, Camerino, Civitanova e Macerata».

Un gioco di ruolo, in vero stile di Final Fantasy e Dragon Quest, con Guerrieri del Chinotto e mostri da combattere a colpi di incantesimi, magie e abilità stratosferiche tra fiumi, foreste e labirinti.

The Guardian of Jesi è il titolo scelto dallo sviluppatore per omaggiare la città in cui è nato anche se, nella vita, Riccardo fa il programmatore in un’azienda di Camerino, dove qualche anno fa ha conseguito la laurea in Informatica:«Avevo sempre desiderato creare un gioco di questo tipo: ho impiegato quattro mesi a realizzarlo, lavorandoci nei ritagli di tempo libero».

Ora tra i prossimi progetti, la versione per PC e IOS del gioco che su Google Play, nella versione gratuita, ha già superato i 1000 download. «Ci sono tante idee per il prossimo anno, da realizzare magari unitamente ad un team che possa darmi un aiuto perché coordinare questo mio  hobby con il lavoro non è facile. A motivarmi resta comunque la grande passione».

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.