The Vatican, la nuova serie di Ridley Scott | Password Magazine
Festival Pergolesi

The Vatican, la nuova serie di Ridley Scott

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Difficile distinguere comparse e attori da turisti, curiosi, e gente di passaggio, ma di certo piazza del Campidoglio è in fermento. Molti si fermano a chiedere cosa stia accadendo tra una moltitudine di carrelli, cineprese e vigili urbani dall’aspetto sornione. È Ridley Scott che gira il pilota per una nuova serie: The Vatican, basata sui recenti scandali di Vatileaks prodotti dal famigerato genio informatico Julian Assange. Forse ricorderete appunto gli scandali di Città del Vaticano del 2012, quando una fuga di documenti portati all’esterno della Santa Sede evidenziavano le lotte di potere e i possibili riciclaggi di denari attraverso lo IOR, la banca vaticana.

La notizia ha fatto il giro del mondo, tanto che un regista come Ridley Scott ha deciso di girare una serie televisiva dal titolo The Vatican. Indubbiamente la scelta ha un carattere di tipo commerciale, dato che l’Italia tutta per gli abitanti a stelle e strisce si riduce al Vaticano, Firenze e Venezia. Lo scandalo scoppiato in una di questi tre “gioiellini” per turisti può di certo interessare il pubblico americano, altrimenti troppo lontano e indaffarato.

Fatto sta che Hollywood porta a Roma dai 5 ai 16 milioni di dollari, versati al Comune di Roma immediatamente e senza anticipo. Un sollievo per le casse di Alemanno che perdevano acqua da tutti i buchi della cattiva gestione. Il set è blindatissimo, guardie di sicurezza ad ogni angolo.

Scott ha girato in via della Conciliazione, chiusa al traffico per mezza giornata , nella bellissima chiesa di San Paolo fuori le mura, anche se essendo una chiesa episcopale anglicana non si intravede il legame con il Vaticano. Ma si sa, per il cinema basta l’ambientazione, il resto è lavoro di fantasia. Infine il set si sposta in Campidoglio, che diventa immediatamente off-limits. Tra attori travestiti da guardie svizzere si erge un finto Papa, molto somigliante all’attuale Francesco I, tranne che non è in San Pietro, e che è ricoperto di trucco e parrucco. La scena girata è servita al regista de ‘Il gladiatore’ per riprodurre gli ambienti vaticani all’interno del palazzo dei Conservatori dei musei Capitolini.

Una serie che lavora molto di fantasia, procede ipotizzando inciuci e intrighi degni di un’altra serie americana, i “Borgia”, ma si sa, gli statunitensi son fatti così. Hanno bisogno sempre di vedere le cose come se fossero parte del film. E così anche ciò che è perfettamente normale diventa soggetto per la macchina da presa. Non che ci sia qualcosa di male, si intende. Già il regista Scott è un maestro delle sceneggiature di fantasia. Ricordiamo film come Alien, Prometheus, Blade Runner, Hannibal. Un regista di un certo spessore e di grande esperienza. Forse si può storcere un po’ il naso sul perché accogliamo i registi hollywoodiani a braccia aperte, facendogli sentire la nostra profonda ammirazione, giustamente, ma quando si tratta di aiutare i registi italiani, locali, le istituzioni sembrano sempre così lontane. Vorremo vedere il sindaco di Roma che dona in segno di riconoscimento la statua della lupa a Ridley Scott, cosa che è successa il 23 marzo, ma anche lo stesso sindaco che permette ai registi italiani di girare al campidoglio, di bloccare strade per mezza giornata, che si mettesse a disposizione a tuttotondo. Forse la differenza sta proprio in quei 5-16 milioni di dollari. È proprio il caso di dire “per un pugno di dollari”.

Giuseppe De Lauri

 

 

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.