The Walking Dead | Password Magazine
Festival Pergolesi

The Walking Dead

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Immaginate di essere gli unici sopravvissuti in un mondo post apocalittico dove gli zombie dominano il pianeta, dove la sopravvivenza non è una certezza, ma un lusso per pochi, dove il pericolo primario non sono i morti che camminano ma gli stessi uomini.

E’ questo il liet motiv di “The walking Dead“, una creazione del regista Frank Darabont, già noto per aver diretto e prodotto “Il miglio verde”, basata sulla serie di fumetti di Robert Kirkman. La trama si svolge nel mondo infestato dai non-morti, i pochi sopravvissuti rimasti umani – capitanati dall’impavido agente di polizia Rick Grimes – cercano disperatamente una via di scampo nella speranza di riuscire a sopravvivere con qualsiasi mezzo all’orrore e alla mostruosità dei morti viventi.

Nel corso della serie sarà sempre più chiaro però quali sono le vere problematiche trattate dalla serie, cioè uno studio del comportamento umano in situazioni assolutamente non convenzionali e orrorifiche. Gli zombie diventano man mano un macabro contorno alle storie principali che si intrecciano e che catturano l’attenzione degli spettatori. Una messa in scena da premio, così come la fotografia di un altissimo livello, come del resto le recenti serie americane esprimono, trasformano la serie in un film catastrofico, poi in un horror, poi in un triller. Tutte queste cose insieme affascinano non solo i cultori del genere, ma anche spettatori esigenti che pretendono una fitta rete ben costruita di eventi impossibili ma verosimili, esattamente come quelli che hanno adorato “Lost” e sono pronti a passare nottate davanti la televisione.

La serie è trasmessa in Italia, come negli USA, dalla Fox esattamente dal 1 novembre 2010. In tre anni si sono succedute tre stagioni, per un totale di 35 episodi, tutti da vedere. Chi ha paura non si faccia da parte poichè quel poco di ansia che provoca e ricompensata dal vasto drappeggio sceneggiativo davvero imponente.

Giuseppe De Lauri

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.