«Tigli di Viale Trieste: approfondimenti prima di abbattere». | Password Magazine

Festival Pergolesi

«Tigli di Viale Trieste: approfondimenti prima di abbattere».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – «Tigli di Viale Trieste: approfondimenti prima di abbattere». Jesi in Comune, gruppo politico all’opposizione in Consiglio, torna sulla questione dei 12 tigli di Viale Trieste che il Comune di Jesi avrebbe in programma di abbattere perché «risultati malati e si è accertata la necessità di un’urgente manutenzione straordinaria per pubblica incolumità».
«Da un confronto che abbiamo avuto con il professor Fabio Taffetani, Ordinario di Botanica sistematica dell’Università Politecnica delle Marche – fa sapere Jesi in Comune – sono emerse alcune criticità in merito alle valutazioni sui Tigli di viale Trieste.
Sollecitati da tanti cittadini ci siamo rivolti al botanico per capire se tutto è stato fatto per scongiurare gli abbattimenti e sono emersi degli aspetti importanti. Durante la commissione consiliare, l’agronomo incaricato dalla Cooperativa Opera (non dal Comune) di valutare non i tigli di Viale Trieste, ma quei 12 tigli di Viale Trieste, ha ritenuto, a seguito di una valutazione “visiva e speditiva”, secondo l’incarico ricevuto, che ‘gli alberi sono irrimediabilmente compromessi e non in grado di vegetare in modo regolare ed espletare così le funzioni ecosistemiche richieste’, ma non che debbano essere abbattuti con urgenza assoluta per motivi di sicurezza e/o incolumità (in effetti non è stata emessa alcuna ordinanza al riguardo).
Stando al nostro confronto con il professore universitario, il primo aspetto da tenere in conto è che alla misurazione svolta ne deve ‘necessariamente seguire una strumentale che valuti la localizzazione e l’estensione delle cavità presenti. Da considerare che tutti i tigli, per loro natura, presentano frequenti cavità’. Insomma: il martello meccanico ‘corrisponde allo stetoscopio del medico, serve a valutare la necessità di un approfondimento analitico con strumenti assai più sensibili che possono localizzare e valutare posizione, consistenza e gravità delle cavità. In mancanza di questa misurazione accurata, necessaria per valutare lo stato di precarietà di un albero, si ottiene una valutazione superficiale del tutto inadeguata per la decisione che poi viene prospettata’.
Altro aspetto da non sottovalutare riguarda la riduzione delle chiome: la valutazione è stata fatta a dicembre in un periodo di stasi vegetativa che è “del tutto insufficiente per valutare lo stato di funzionalità della chioma’.
Inoltre, nelle prescrizioni dello stesso agronomo, si evidenzia l’obbligo di ripiantumazione di un congruo numero di essenze. Obbligo che però ad oggi, mentre si vuole procedere con l’abbattimento, non è stato ancora adempiuto, perchè, come ha riferito l’assessora Napolitano, nessun progetto è ancora stato fatto.
Non è stato, infatti, ancora chiarito né programmato se e come verrà ripristinato l’aspetto del viale storico, né è stato predisposto un piano più complessivo della viabilità del quartiere, prospettando eventuali alternative rispetto al progetto di RFI che attualmente prevede l’eliminazione dei giardinetti e l’abbattimento sempre di tre tigli per la realizzazione di una rotatoria. Secondo noi è opportuna una valutazione ulteriore prima degli abbattimenti, per provare a scongiurarli».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.