Titolo di 'Città' per Maiolati Spontini, approvata la richiesta in Consiglio comunale | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Titolo di ‘Città’ per Maiolati Spontini, approvata la richiesta con l’unanimità del Consiglio comunale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
©FOTO PASSWORD MAGAZINE Riproduzione riservata

MAIOLATI SPONTINI – Il comune di Maiolati Spontini ha avviato l’iter che ha come obiettivo l’ottenimento del titolo di “Città”. Il primo atto ufficiale è stata l’approvazione all’unanimità, nel Consiglio comunale del 29 dicembre, della procedura per la richiesta di attribuzione del prestigioso riconoscimento, legato “all’importanza che il Comune ha raggiunto negli ultimi anni – come si legge nella delibera – nell’ambito dei servizi, dell’istruzione, del turismo, del commercio, dell’associazionismo e dello sport, nonché per la valenza della sua storia, della sua cultura e delle tradizioni civili e religiose”. L’istanza per ottenere il titolo di “Città” sarà inoltrata, come previsto dalla normativa, al Presidente della Repubblica e al Ministero dell’Interno

«Si tratta di una delibera – sottolinea il sindaco Tiziano Consoli – che raccoglie una grande ricchezza di contenuti storici, culturali, sociali che riguardano il nostro Comune e che rappresentano il patrimonio di tutti: della cittadinanza, delle associazioni, delle attività produttive e del lavoro che le Amministrazioni comunali hanno svolto nel tempo. Fondamentale per la storia del territorio la figura di Gaspare Spontini e tutto il bene che ha svolto, con la sua sposa Celeste Erard, per la comunità. Anche con questa decisione ci prepariamo alle celebrazioni del 2024 per l’anniversario dei 250 anni dalla nascita del grande Maestro». 

Gli aspetti evidenziati per la richiesta del titolo di “Città”, elaborata dall’Assessorato alla Cultura con la collaborazione degli Uffici comunali, riguardano la storia sia del capoluogo che di Moie, a partire dai primi insediamenti dei monaci benedettini intorno al Mille e alla costruzione dell’abbazia Santa Maria, fino alla figura di Gaspare Spontini e i luoghi spontiniani. Inoltre si fa riferimento alla Casa dell’Olio e della Biodiversità e ai prodotti di eccellenza del territorio, come appunto l’olio ma anche il Verdicchio. Ma non solo. Si ricorda la ricchezza del tessuto associativo, che coinvolge persone di tutte le età, in particolare con le quattro formazioni musicali, due di tipo bandistico e due corali, e con la scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale. 

Fra le altre peculiarità che secondo l’Amministrazione fanno meritare a Maiolati Spontini di poter aspirare al titolo di “Città, ci sono il Polo culturale “eFFeMMe23” con la biblioteca La Fornace, diventata negli anni punto di riferimento culturale e aggregativo per tutta la Media Vallesina, i percorsi turistici e paesaggistici, come la “Via dei Tesori”, e una rete di realtà pubbliche e private in grado di valorizzare il territorio nelle sue peculiarità. Infine si fa riferimento all’economia, con le radici fondate su una tradizione rurale, contadina e artigianale che nel corso degli anni, a seguito dello sviluppo industriale, si è trasformata e adeguata, ed ha visto insediare e crescere imprese, attività artigianali e di servizi. 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.