Torna «Ascolto… storie, profumi e sapori», l'accento sul cavolfiore jesino | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Torna «Ascolto… storie, profumi e sapori», l’accento sul cavolfiore jesino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Riscoprire i sapori autentici del territorio attraverso un viaggio che coinvolge agricoltura, biodiversità e palato. Torna la rassegna “Ascolto… storie, profumi e sapori”, iniziativa nata oltre dieci anni fa per volontà del Centro Turistico Giovanile Vallesina di Jesi e patrocinata dal Comune.

Un ciclo di incontri che nasce dalla consolidata e rinnovata collaborazione del CTG con la Condotta Slow Food “Castelli di Jesi”, due realtà accomunate dalla stessa sensibilità per la conoscenza e tutela del cibo.
 «La formula – ha detto il presidente del Ctg di Jesi Maurizio Gualdoni – è la stessa degli scorsi anni con tre appuntamenti in programma ogni venerdì alle ore 21.15 presso la sala conferenza del CTG di Jesi (in via Ancona, 17 bis) ed una cena finale, il sabato dopo l’ultimo incontro, per degustare ciò di cui si è parlato.
Una sinergia collaudata, tra due realtà, Ctg e Slow Food, che si mettono in rete».
Luca Celli di Slow Food ha ringraziato il Ctg per aver rinnovato la collaborazione: «Saranno tre incontri legati al tema dell’alimentazione in senso lato con particolare attenzione al territorio e ai suoi sapori».
Tra questo c’è il cavolfiore jesino, un alimento che si sta cercando di riscoprire:  «Negli anni ’30/’40 se ne produceva in gran quantità, con carichi esportati anche in Germania – ha spiegato Carlo Bellocchi del Ctg Vallesina -. La produzione ha subito un calo dopo la Guerra: il cavolfiore jesino era di colore giallognolo e dalle inflorescenze delicate, poco attraenti rispetto ai prodotti del supermercato e poco adatto ad essere esportato per la sua fragilità». Il seme è però stato conservato e ora la cooperativa l’Orto del Sorriso sta lavorando alla sua coltivazione.
«Una finestra sul mondo dei sapori valutando tutti gli aspetti dei territori» ha detto l’assessore all’Associazionismo Paola Lenti con parole do soddisfazione.

Gli incontri inizieranno venerdì 29 marzo,  ‘La Comunità Slow Food dei produttori di San Marcello paese del ben-essere: il progetto di riscoperta dei grani antichi e tradizionali” in cui interverranno i relatori Gianni Rossetti, portavoce Comunità Slow Food di San Marcello e Lorenzo Bolognini, produttore agricolo. La serata sarà dedicata a ricostruire il percorso che, avviato nel maggio 2018 da un gruppo di persone di San Marcello, ha portato alla costituzione della prima Comunità Slow Food nella regione Marche.

Il successivo appuntamento affronterà il tema del “Cavolfiore jesino: il progetto di rinascita di un’eccellenza del territorio”, in cui interverranno Nazzareno Acciarri, Primo Ricercatore e responsabile sede CREA Centro di Ricerca Orticoltura e Florovivaismo di Monsampolo del Tronto e Andrea Bordoni, Dirigente Innovazione e Agroambiente della Regione Marche. Al centro, un progetto di riscoperta e valorizzazione di un prodotto tipico del territorio andato perduto – il cavolfiore jesino –  e che ora, grazie alla collaborazione con l’Orto del Sorriso, si sta cercando di riportare sulle nostre tavole.

Terzo e ultimo appuntamento, venerdì 12 aprile, con il tema “Esaltare i prodotti agroalimentari locali di stagione: nutrizione per il corpo e piacere per il palato”,  cui prenderanno parte Francesca Raffaelli, Biologa Nutrizionista e divulgatrice scientifica, Presidente Biomedfood srl e Paolo Piaggesi, Docente di cucina presso l’Istituto Alberghiero di Loreto, chef e membro dell’Associazione Provinciale Cuochi Ancona.

L’evento di chiusura, in programma per sabato 13 aprile, dal titolo “Dalla teoria alla pratica” sarà una cena al ristorante Le Stagioni di Via Montelatiere, 17 a San Marcello (AN). Lo chef di Manuel Raffio ha elaborato per l’occasione un menù con prodotti di stagione, tra cui il Cavolfiore jesino ed il Carciofo precoce di Jesi.

Il Ctg e Slow Food invitano tutta la cittadinanza a partecipare agli incontri che saranno ad ingresso libero.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.