Torna Social Opera sotto il segno di "Carmen" | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Torna Social Opera sotto il segno di “Carmen”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Torna Social Opera, il progetto della Fondazione Pergolesi Spontini che ha saputo in questi anni mettere in rete servizi sociali, scuole e teatro, per costruire insieme percorsi di integrazione attraverso il Teatro Sociale, l’educazione al melodramma e l’esperienza del palcoscenico. Il progetto  che mette in risalto i temi del benessere, dell’inclusione sociale e della creatività giovanile coinvolge persone con disabilità fisica/intellettiva, studenti, educatori, operatori culturali, teatrali e socio-sanitari del territorio.

Il programma del 2019 prende spunto da “Carmen” di Bizet: la storia della bella sigaraia sarà il pretesto per lavorare sui sentimenti e l’emotività corporea. La messa in scena finale sarà il 27 settembre, al Teatro Pergolesi, tra gli eventi conclusivi del XIX Festival Pergolesi Spontini.

 Ne fanno parte due progetti: il laboratorio di Teatro Sociale “OperaH” (VIII edizione) organizzato con il contributo di A.S.P. – Ambito 9 del Comune di Jesi e in collaborazione con UMEA Unità Multidisciplinare Età Adulta ASUR MARCHE AV2- JESI, COOSS MarcheTeatro CocujeNuovo Spazio Studio Danza; il progetto di Alternanza Scuola-Lavoro “Banco di Scena” (VI edizione) organizzato in collaborazione con il Liceo Artistico “E. Mannucci”, il Liceo Classico “Vittorio Emanuele II” e I.I.S. “Marconi – Pieralisi” di Jesi.

Parole di soddisfazione dall’assessore ai Servizi sociali Maria Luisa Quaglieri, che questa mattina, insieme all’amministratore delegato della Fondazione Pergolesi Spontini Lucia Chiatti ha illustrato l’iniziativa alla stampa insieme ai protagonisti.

Il progetto OperaH (giunto alla 8^ edizione) coinvolge 11 utenti individuati sulla base delle indicazioni delle strutture sanitarie e di assistenza coinvolte. Il laboratorio si articola quest’anno in incontri settimanali di Teatro e di Espressione Corporea (condotti rispettivamente da Gianfranco Frelli e Sara Lippi) che, attraverso giochi teatrali e movimenti coreografici, rispettoso dei tempi necessari, approda ad una messa in scena finale. Gli incontri si tengono presso il salone della Casa di Riposo e presso Nuovo Spazio Studio Danza. Obiettivi del laboratorio sono lo sviluppo delle capacità espressive dei partecipanti coinvolgendo il corpo, il gesto, fino ad arrivare alla voce e all’interpretazione scenica individuale e collettiva, sviluppare le esperienze di gruppo e la socializzazione, aumentare l’autostima di ciascuno valorizzando le differenze personali ed emotive dei componenti del gruppo, stimolare i partecipanti ad inventare, scrivere ed interpretare testi di prosa, mimici e gestuali. Esito del percorso laboratoriale sarà l’opera teatrale “Carmen a modo nostro”, con la regia di Gianfranco Frelli (Jesi, Teatro Pergolesi, 27 settembre, ore 21).

 “Banco di scena” (sesta edizione) è un innovativo progetto di Alternanza Scuola-Lavoro destinato agli studenti del terzo e del quarto anno del Liceo Artistico “E. Mannucci”, Liceo Classico “Vittorio Emanuele II” e I.I.S. “Marconi – Pieralisi” di Jesi. Promosso ed organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con i tre Istituti, “Banco di Scena” prevede un percorso altamente esperienziale attraverso l’attivazione di quattro corsi di formazione paralleli: in scenografia/scenotecnica per i ragazzi dell’Artistico, in sartoria teatrale e illuminotecnica per gli studenti dell’Istituto tecnico e professionale, e in comunicazione per gli allievi del Classico.

“Banco di Scena” nasce nel 2014 come corso di formazione in scenografia teatrale e scenotecnica per gli studenti del Liceo Artistico di Jesi, da una idea di Massimo Ippoliti, titolare della cattedra di discipline plastiche presso il “Mannucci”, e di Paolo F. Appignanesi, responsabile produzione della Fondazione Pergolesi Spontini.

Il progetto si propone di offrire agli studenti opportunità formative di alto e qualificato profilo volte a valorizzare il curriculum scolastico, offrendo un orientamento per le scelte in campo universitario e l’acquisizione di competenze spendibili nel mercato del lavoro.

I quattro corsi si svilupperanno presso diverse sedi, con lezioni teoriche e pratiche al Teatro Pergolesi, nel Laboratorio Scenografico e nella Sartoria Teatrale dello stesso Teatro, tenute da qualificati operatori della Fondazione e del territorio.

Al termine del percorso formativo, i ragazzi collaboreranno alla messa in scena di “Carmen a modo nostro”. Gli studenti del Liceo Artistico si occuperanno dell’ideazione, realizzazione e montaggio delle scenografie, gli studenti dell’Istituto Professionale realizzeranno i costumi e quelli del Tecnico il disegno luci mentre, gli studenti del Liceo Classico parteciperanno attivamente al laboratorio di Teatro Sociale e si occuperanno dell’ideazione e realizzazione di un piano di comunicazione per la promozione dell’evento.

 Social Opera 2019 è promosso ed organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini con il sostegno di Fondo Beneficenza di Intesa San PaoloCaterpillar Hydraulics Italia srl: due realtà che hanno ritenuto il progetto meritevole di attenzione e di sostegno viste le finalità sociali, culturali ed educative.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.