Tornano le Giornate Fai di Primavera (15 maggio e 16 maggio) | Password Magazine

Tornano le Giornate Fai di Primavera (15 maggio e 16 maggio)

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagini tratte dal video del Fai Jesi e Vallesina

REGIONE – Tornano le Giornate FAI (Fondo Ambiente Italiano) di Primavera sabato 15 maggio e domenica 16 maggio, evento nazionale di partecipazione attiva e raccolta fondi dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico, presentato per quanto riguarda la Regione Marche in una conferenza stampa tenutasi oggi presso la sede regionale di Palazzo Bazzani di Ascoli Piceno. Nelle Marche le riaperture, curate dai volontari FAI di 5 Delegazioni provinciali, 6 Gruppi FAI e 5 Gruppi FAI Giovani, riguardano 61 beni dislocati in 19 località, facenti parte dei 600 beni riaperti in tutta Italia in 300 località. I fondi raccolti durante le Giornate di Primavera saranno destinati a Palazzo Moroni di Bergamo.

Le giornate sono state organizzando seguendo tutte le normative sanitarie previste dalla legge vigente in materia; i gruppi di visita inoltre non supereranno le 10-15 persone e si potrà aderire all’iniziativa soltanto su prenotazione online al sito: https://faiprenotazioni.fondoambiente.it

I 61 luoghi visitabili, sia di proprietà del FAI sia dati in gestione temporanea da altri enti, sono molteplici e includono borghi, beni paesaggistici, maneggi, osservatori astronomici e luoghi inediti come l’Antica Farmacia Fratebenefratelli di Jesi , i Palazzi Vescovili di Ascoli Piceno, Rocca Costanza di Pesaro e l’Abbazia di Lamoli. Alcuni presidi saranno riservati ai soli iscritti al FAI, che ogni anno attraverso l’iscrizione permettono di restaurare e conservare i beni culturali, mentre altri saranno aperti al pubblico soltanto nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 maggio.

A Jesi, sarà possibile visitare anche il Palazzo della Signoria, con orario continuato dalle 10 alle 18.

«Lo sforzo corale delle delegazioni e dei gruppi FAI è uno sforzo determinato dalla volontà di stare insieme e di ritorno alla normalità, di godimento della bellezza – spiega Alessandra Stipa Presidente Regionale FAI Marche – da sottolineare è il coraggio e la testardaggine dei volontari che sono riusciti a far aprire questi luoghi. Un ringraziamento particolare va ai cittadini, ai docenti, ai professori di storia dell’arte, alle guide FEDERAGIT che quest’anno si sono messe a nostra disposizione, e ai giovani che faranno anche loro da ciceroni. I Gruppi FAI Giovani sono ora una realtà istituzionalizzata con la figura di Ilario Di Luca, coordinatore regionale dei Gruppi Giovani, che ringrazio, e ringrazio anche Marco Vannozzi, delegato alla comunicazione regionale. Siate con noi questi due giorni e aiutate il FAI laddove riteniate che questa fondazione agisca bene nell’interesse collettivo».

Queste Giornate di Primavera 2021 saranno caratterizzate infatti dal forte coinvolgimento dei giovani, come sottolinea il Coordinatore Regionale dei Gruppi FAI Giovani Ilario di Luca: « Questo è il primo grande evento culturale su scala nazionale dopo questi mesi di chiusura, ma i giovani non hanno mai smesso di lavorare e di collaborare con le delegazioni, anche attraverso i social network. Ringrazio il FAI per la fiducia nei confronti delle nuove generazioni». Al Coordinatore si accodano le parole dell’Assessore alla Cultura della Regione Marche Giorgia Latini, che rimarca come sia importante il coinvolgimento dei giovani, soprattutto in questo momento di pandemia dove le nuove generazioni sono tra le fasce di età che hanno maggiormente risentito dei lockdown causati dal covid: «Come ogni anno scoprite luoghi inediti, ma il grande valore aggiunto è il coinvolgimento dei giovani come ciceroni. Con questo evento diamo un grande segnale di rilancio della cultura, per far si che i beni culturali siano presidio del nostro territorio e delle nostre comunità». La riapertura dei luoghi di cultura e le Giornate di Primavera possono aver luogo anche grazie al supporto di Sabap Marche. Afferma Marta Mazza Soprintendete Sabap Marche: «Il FAI torna ad incarnare il proprio ruolo, cioè quello di accendere l’attenzione con tutte le modalità che aiutano la giusta fruizione di luoghi importanti, per cui mi sono sentita di affiancarli e incoraggiarli con l’auspicio che queste iniziative possano andare nel migliore dei modi».

 

A cura di Chiara Petrucci

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.