«Tornare o non tornare? Dopo otto mesi, a Milano gli stessi dubbi» | Password Magazine

«Tornare o non tornare? Dopo otto mesi, a Milano gli stessi dubbi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
milano coronavirus

MILANO –  «Ciao Richi come stai? Ho saputo che a Milano la situazione è molto grave». Questo il messaggio che ritrovo spesso la mattina sul cellulare, mandato dai miei genitori o conoscenti che vivono nelle Marche. Sono un ragazzo di Jesi che lavora a Milano e che per la seconda volta si trova a vivere la morsa del coronavirus in questa città, definita da alcuni virologi in questi giorni “la nuova Bergamo”. E per quelli come me che hanno trascorso la fase 1 del covid-19 in Lombardia è proprio questo l’aspetto preoccupante: nelle ultime settimane si sta respirando la stessa aria di otto mesi fa. Qualcuno (pochi) si concede ancora l’aperitivo prima di cena (con la mascherina), le macchine continuano a riempire le strade di traffico e i mezzi, in buona parte, rimangono belli pieni di lavoratori e studenti. Ma nella gente c’è lo stesso sguardo, la stessa sensazione di allarme di pochi mesi fa.

Sicuramente abbiamo più consapevolezza rispetto a febbraio e marzo di quello a cui si sta(rebbe) andando incontro, ma ancora, per quel che si può, si cerca di vivere una vita normale, fatta di jogging, lavoro in ufficio (nel mio caso, per fortuna, non sempre) e qualche visita a casa di amici. In giro tante mascherine – personalmente ho incontrato pochissime persone senza -, litigi sui mezzi per rispettare le distanze e generalmente molta attenzione verso la situazione. Quando si può, invece di salire sulla chiacchierata Linea 90 – che fa il giro di tutta la città – meglio prendere il motorino a noleggio. Quando si può, meglio andare al supermercato nelle ore meno affollate.

In generale, percepisco questa premura nei confronti della società, perché la gente, giustamente, qua come in tutta Italia, ha bene in mente di non tornare a chiudersi in casa.

Negli ultimi giorni sono tornate anche nebbia e pioggia tipiche di questo paesaggio, che sommate all’ansia generale per la situazione e con le immancabili sirene di tutti i giorni rendono la quotidianità metropolitana un po’ più deprimente. Conosco almeno una trentina di ragazzi marchigiani che vivono qui a Milano, e nelle nostre chiacchiere su Whatsapp o nei rari momenti insieme si arriva in modo ridondante sempre allo stesso punto: tornare o non tornare a casa? Scendere e rischiare di non avere la possibilità di tornare in città – lasciando casa, lavoro e università – o rimanere a Milano e decidere di non vedere amici e parenti per chissà quanto tempo? Ogni situazione ha il suo contesto e la sua esigenza, ed è esattamente la stessa scelta di cui si discuteva otto o nove mesi fa, quando il virus era ancora “quello cinese” e farsi un aperitivo a Isola non sembrava poter nuocere a nessuno.

Adesso so come potrebbe andare a finire, ma non so ancora prendere una decisione.

A cura di Riccardo Belardinelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.