Torre Erap, Giancarli (PD) presenta un'interrogazione in Regione | Password Magazine
Festival Pergolesi

Torre Erap, Giancarli (PD) presenta un’interrogazione in Regione

Il consigliere Giancarli in un'interrogazione chiede se sussistano ancora le condizioni per la costruzione dell'immobile di edilizia convenzionata pianificato dieci anni fa e mai edificato

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Torre Erap di via dei Tessitori a Jesi, il consigliere regionale, Enzo Giancarli, solleva il caso dell’effettiva disponibilità dei quasi 2 milioni (1,950) di finanziamenti regionali per la realizzazione dell’opera pianificata da dieci anni e mai edificata. Il Comune di Jesi avrebbe dovuto restituire le risorse regionali quattro anni fa a causa dei continui ritardi nella costruzione dell’immobile.

In un’interrogazione al presidente della Giunta, Enzo Giancarli chiede «per quali ragioni non si è proceduto alla revoca del finanziamento di 1,950 milioni  destinati alla costruzione dell’immobile di edilizia agevolata convenzionata, e se a tutt’oggi, nonostante il rilascio del permesso a costruire, sussistano le condizioni tecnico-giuridiche per procedere alla revoca o alla restituzione del denaro, ed il suo conseguente versamento al fondo regionale, come stabilito dall’articolo 15 comma 3 della legge regionale 32 del 2013. Esso determina, infatti, il ritiro delle risorse non utilizzate entro i termini previsti. Mi chiedo, e chiedo al presidenteprosegue Giancarli –, se non sia utile ed opportuno effettuare un approfondimento sotto il profilo giuridico per giungere in modo chiaro e trasparente alla decisione di mantenere o revocare il finanziamento, considerato il lungo periodo di tempo trascorso dal primo atto di pianificazione comunale ad oggi e dai conseguenti e successivi atti di programmazione e di proroga posti in essere dai diversi enti competenti. Senza contare – continua – che già a giugno del 2014 la Regione aveva invitato il Comune di Jesi a restituire le risorse visti i ritardi accumulati».

Ripercorrendo la lunga storia dell’intervento di edilizia convenzionata previsto nell’area – un immobile di sette piani e trenta alloggi – il consigliere Giancarli sottolinea come esso facesse parte di «un programma di riqualificazione e recupero dell’area  “Campus Boario” del Comune di Jesi risalente al 2007, che aveva ottenuto un contributo regionale di quasi 2 milioni e mai attuato, nonostante numerose proroghe del termine per l’inizio dei lavori,  la prima risalente al 2010. L’articolo 15, comma 3, della legge regionale 32 del 2013spiega il consigliere –  prevede che le risorse finanziarie destinate all’edilizia residenziale agevolata e sovvenzionata, che non sono state utilizzate in tutto o in parte entro i termini stabiliti dai singoli provvedimenti di concessione o di proroga, sono revocate e vengono versate al fondo regionale per le politiche abitative, come disposto dall’articolo 6 della legge regionale 36 del 2005. Qualora aggiunge ancora Giancarli – tali risorse provengano dall’apposito conto corrente infruttifero aperto presso la Cassa depositi e prestiti, le medesime sono svincolate e rese disponibili per i piani e programmi di cui agli articoli 5, 5 bis, 5 ter e 7 della della stessa legge». Non solo. Ricorda Giancarli che proprio in virtù di questa normativa, la Regione il 3 giugno del 2014 aveva già invitato il Comune di Jesi ad avviare il procedimento di restituzione e versamento al fondo regionale per le politiche abitative del contributo ottenuto di 1,950 milioni.

Nell’interrogazione inoltre Giancarli ribadisce, la necessità di «riqualificare l’area e tutto il quartiere sotto il profilo sociale, urbanistico, architettonico ed ambientale. Riqualificazione che deve passare anche da misure adottate dalla Regione e ancor più indispensabili qualora si proceda alla realizzazione dell’immobile».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.