Torre Erap, i residenti: “Distanza siderale tra il palazzo e la città”

JESI – L’interrogazione congiunta di Jesi in Comune e Pd sulla questione TORRE ERAP viene rimandata alla prossima seduta, nonostante la presenza in aula di numerosi cittadini venuti ad ascoltare. “Si dirà che il regolamento è regolamento: per le interpellanze e interrogazioni sono previsti infatti 60 minuti – è il commento congiunto di Meet up Spazio Libero Jesi e Comitato Parco granita – Peccato che il regolamento venga applicato con puntiglio solo a tempo e comodo di chi “comanda”. Le risposte logorroiche di assessori ed esterni sono apparse assai funzionali allo slittamento proprio di quella interrogazione che stava a cuore alla maggior parte dei presenti”.

Insomma, “Bastava un po’ di buon senso – dicono – o semplicemente di rispetto per la fatica che i comuni cittadini compiono nel ritagliare spazi di partecipazione, in un tempo assai avaro di generosità e impegno civile”.  

Altro “schiaffo alla partecipazione” consiste nell’ aver calendarizzato al 25esimo punto all’o.d.g. la Petizione Popolare contro “l’operazione di cementificazione – scrivono i rappresentanti dei residenti-  che si vuole imporre al quartiere San Giuseppe”. 

“Quartiere che avrebbe bisogno di una riqualificazione vera e partecipata, non di un palazzone dannosissimo di 7 piani. Il testo giunge in Aula dopo ben 5 mesi (… e il Regolamento? La petizione doveva andare in discussione al primo consiglio utile, ma pazienza, i cittadini possono aspettare) – si legge nella nota – Speriamo per il futuro in un moto di indignazione dei consiglieri, costretti a maratone inumane, non solo per il numero di pratiche, ma per i “salotti” che tanto piacciono al presidente Massaccesi. Con la scelta di lasciare per ultima la discussione della petizione, i numerosi cittadini presenti sono dovuti rimanere in consiglio  comunale fino a circa l’una di notte. Questa doppia forma (per l’interpellanza e per la petizione) di ostruzionismo all’incontrario operato da parte della maggioranza la dice lunga sulla volontà (solo dichiarata) di realizzare una politica partecipata e sulla posizione assai schizofrenica di non volere la torre ma di non far nulla per scongiurarne la costruzione”.

Comunicato da:

Meet Up Spazio Libero – Comitato Parco Granita

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*