Torre Erap, il cantiere avanza: «Piante e alberi abbattuti?»

Alberi abbattuti al cantiere Erap

JESI – Torre Erap, spuntano le recinzione del cantiere intorno il parcheggio di via dei Mugnai, estendendosi fino al Parco Granita. Sarà in quell’area che troverà spazio il palazzone a 7 piani che i residenti in protesta hanno ribattezzato “mostro di cemento”. Ma «l’ Erap ha il pieno diritto a costruire – ha più volte ribadito il sindaco Massimo Bacci – L’iter procedurale, avviato da amministrazioni precedenti, è oramai concluso». Essendo impossibile tornare indietro sulla torre, i primi interventi riguarderanno opere di recupero delle aree esterne, il ripristino dei parcheggi, della viabilità e del verde. Ma gli abitanti di via Tessitori osservano il proseguire dei lavori, avviati questa settimana con preoccupazione: il timore è che alberi e piante finiti all’interno del cantiere vengano abbattuti. Scatta subito la richiesta di chiarimenti da parte del Coordinamento No Torre Erap: «In un’ottica di trasparenza e di coerenza con quanto promesso nelle assemblee passate, si chiede un incontro in loco con i residenti e la cittadinanza per spiegare nel dettaglio il progetto che l’Amministrazione intende realizzare- scrive il coordinamento No Torre Erap – Resta piuttosto incomprensibile come possa essere possibile mantenere inalterato il verde esistente spostando i parcheggi proprio in mezzo all’attuale parco. Quale sarà inoltre la fruibilità dell’area nei mesi a seguire. Giunge inoltre notizia che alla Forestale sia stato richiesto un parere sulle piante interessate da eventuali abbattimenti. Vorremmo ricordare, qualora ce ne fosse bisogno, che oltre al rispetto del Regolamento Regionale occorre attenersi anche alle restrizioni di quello comunale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*