Torre Erap, in tanti all'incontro pubblico: residenti in protesta | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Torre Erap, in tanti all’incontro pubblico: residenti in protesta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Centro sociale gremito sabato sera per l’assemblea pubblica contro la costruzione della torre Erap di sette piani in via Tessitori, nel quartiere di San Giuseppe. Nel mirino delle critiche l’attuale giunta comunale e la precedente, in particolare il sindaco Massimo Bacci e il predecessore Fabiano Belcecchi rappresentati come fumetti i super eroi negativi di questa vicenda. “Una cementificazione di questo tipo non va bene a San Giuseppe, quartiere già sovrappopolato, nè altrove – ha tuonato Maria Teresa Mancia per Meetup Spazio Libero, che ha organizzato l’assemblea – Possibile che l’Erap, sulla cui gestione dei suoi appartamenti ci sarebbe molto da dire, non possa accordarsi con i privati? A Jesi ci sono 4mila appartamenti vuoti, questa torre non ha senso e va a snaturare un quartiere che di questa area verde e dell’adiacente parcheggio ha bisogno”. La torre, il mostro come è già stata ribattezzata, dovrebbe nascere in via Mugnai. Ventisette gli appartamenti complessivi destinati ad anziani. “I cittadini non sono stati ascoltati – ha continuato Mancia – Sono rassegnati che questo mostro dovrà sorgere e questo è il problema principale in termini di democrazia. Non sarà che il palazzone debba essere costruito per rimediare ai buffi della Stu?”. La Stu è la Società di trasformazione urbana, nata nel 2007 come istituto giuridico necessario per la realizzazione del progetto Campus Urbano che appunto prevede la costruzione degli alloggi a San Giuseppe. Il comune è l’unico socio della Stu, in liquidazione dal 2015 con un bilancio in passivo.

I residenti, tantissimi presenti in sala, hanno evidenziato le loro preoccupazioni: via Mugnai è una strada a senso unico, di certo se sorgerà il palazzone non basterà ai residenti per entrare in questa zona del quartiere. Ecco quindi che si paventa l’ipotesi di una nuova strada che taglia da via Don Minzoni e oltre ad incrementare il traffico, anche in questi termini San Giuseppe ne ha abbastanza, va a togliere la zona degli orti. Quindi l’invito al sindaco di organizzare un incontro pubblico e valutare soluzioni alternative, sebbene Bacci abbia in più occasione ribadito l’impossibilità di tornare indietro. In caso contrario il quartiere si dice pronto a qualsiasi azione di protesta.
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.