Torre Erap in via Tessitori, l’assemblea pubblica promossa da MeetUp Spazio Libero Jesi

JESI –  Sabato 1 aprile al Centro Sociale “l’Incontro” di via Mugnai (accanto alla palestra Carbonari) alle ore 17 Assemblea pubblica contro la costruzione della torre Erap di 7 piani in via Tessitori.

Nel 2015 alcuni residenti del quartiere San Giuseppe presentavano al Sindaco Bacci una raccolta di quasi 300 firme per chiedergli di rivedere la decisione di costruire nuovi insediamenti abitativi in via Tessitori, al fine di preservare l’area di sosta esistente, il parco circostante e salvaguardare la viabilità del quartiere.
Nel disinteresse generale di tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione presenti in consiglio comunale, il gruppo MeetUp Spazio Libero Jesi ha deciso di approfondire la questione e, studiando i documenti, è giunto alla conclusione che l’operazione “rappresenta uno sperpero di denaro pubblico, una cementificazione inutile e dannosa, un procedimento amministrativo dalla dubbia correttezza – si legge in una nota stampa –  Dall’estate 2016 abbiamo più volte richiesto al Sindaco, alla Giunta e a tutto il consiglio comunale di organizzare un confronto pubblico con noi e tutti i cittadini di Jesi e del quartiere San Giuseppe, per giungere ad una soluzione. Da parte loro nessuna risposta.
Allora l’assemblea pubblica abbiamo pensato di organizzarla noi!”.

“E’ giusto inserire un mostro di cemento di 30 appartamenti in un’area già satura di altre case popolari? – si interroga MeetUp Spazio Libero Jesi – E’ giusto distruggere da subito l’attuale parcheggio e un pezzo di parco per far posto al palazzone ? Quali saranno le conseguenze sulla vivibilità del quartiere?  Dove sono finiti e a cosa sono serviti i soldi incassati dalla vendita del terreno su cui dovrebbe sorgere la torre? Proveremo ad illustrare alcuni particolari della vicenda, parleremo di sperperi di danaro pubblico, del non rispetto delle regole, di chi si è permesso di prendere decisioni importanti senza coinvolgere i cittadini che le subiranno.  Cercheremo di capire insieme cosa possiamo fare per opporci all’imminente apertura del cantiere. Siete tutti invitati!”.
Comunicato da Meet Up Spazio Libero Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*