Torre Erap, interventi di miglioramento per il quartiere | | Password Magazine

Torre Erap, interventi di miglioramento per il quartiere

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Torna l’ombra della Torre Erap in Consiglio comunale. La discussione inizia con la mozione presentata da Jesi In Comune – Laboratorio Sinistra volta ad impegnare sindaco e giunta ad elaborare “un nuovo piano di recupero per il Comparto del Quartiere San Giuseppe, condiviso con i cittadini” e nel contempo a “sospendere l’edificazione della Torre edilizia in via Tessitori”.

Il sindaco Bacci, «da incontrista», come si dice, si mostra favorevole alla riqualificazione, per risolvere almeno in parte alcuni problemi del quartiere: «Interveniamo insieme al recupero, intercettiamo risorse per rivedere traffico e parcheggi in quella zona, siamo pronti pronti a discuterne da subito per migliorare il quartiere: ma facciamolo insieme». La maggioranza, letta la mozione di Jesi in Comune, propone e sottoscrive allora una risoluzione per impegnare «l’Amministrazione comunale ad esaminare e proporre interventi di mitigazione delle pressioni ambientali e delle criticità urbane ed una definizione del futuro assetto della zona mediante adeguate operazioni di miglioramento della dotazione di servizi con la riduzione delle attuali capacità edificatorie e un miglioramento delle qualità della vita degli abitanti»

Ma Jesi in Comune non ci sta, la costruzione della Torre Erap va almeno sospesa, e Animali replica: «Ragioniamo insieme sul recupero ma la responsabilità delle decisioni è vostra, noi questo onere non ce lo prendiamo. Ovviamente non possiamo essere d’accordo con una risoluzione che considera irricevibile la proposta di una sospensione dei lavori di edificazione della Torre e che elenca solo una serie di interventi palliativi».

Bacci allora ribadisce: «Non passiamo fare più nulla per fermarla, l’iter procedurale è stato completato e oramai l’Erap ha pieno diritto di costruire. Lo stesso assessore regionale Anna Casini l’ha di recente confermato».

Si passa ai voti: la mozione di Jesi in Comune, appoggiata anche da PD e Movimento 5 Stelle, viene bocciata mentre passa invece la risoluzione con 14 voti favorevoli, 2 contrari, e 5 astenuti (Pd e Movimento 5 Stelle).

Intanto, Meet Up Spazio Libero invia una nota stampa sul ricorso al Tar, firmato da un cittadino residente ma ” forte del sostegno di tante persone e soggetti associativi jesini” per ottenere la dichiarazione di nullità, illegittimità e comunque l’annullamento del permesso di costruzione rilasciato a favore dell’ERAP. Un solo cittadino, come Davide contro Golia. «Il Coordinamento prosegue nella sua giusta causa, sostenendo il cittadino residente firmatario del ricorso e facendo valere nelle opportune sedi istituzionali le ragioni di una lotta contro altro cemento a Jesi e in opposizione ad una visione miope della città». Poi l’invito ai cittadini di Jesi a «non voltarsi dall’altra parte, per quello che può, condividendo il tempo, le energie o con un’ offerta in denaro a sostegno delle spese che il ricorso al TAR sta comportando».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.