Torre Erap, Jesi In Comune: “Questione in Consiglio per trovare alternative non palliativi”

I consiglieri comunali Jesi In Comune e Lab. Sinistra Samuele Animali e Agnese Santarelli durante assemblea pubblica

JESI – “L’assemblea pubblica convocata al Palazzo dei Convegni sulla torre Erap è stata usata dal Sindaco per cercare di convincere i cittadini che non c’è alcuna possibilità di fermare l’opera in questione. Provando a riservare per sé la possibilità di parlare per ultimo senza diritto di replica, è riuscito a non rispondere sulla sua responsabilità politica di Sindaco al secondo mandato, trincerandosi dietro chi lo ha preceduto”: così Jesi in Comune torna ad affrontare la questione Torre Erap, in un articolo pubblicato su Jesiincomune.it dal titolo Cocci e Torre.

“Secondo il Sindaco l’unica possibilità è individuare dei palliativi, peraltro del tutto ipotetici (perché poi portarci la Polizia e non, per dire, un ambulatorio sanitario o gli assistenti sociali?) – si legge nell’articolo –  Ma secondo lui non si può sospendere l’edificazione della torre, perché si andrebbe incontro al “danno erariale”. Il che aggiunge domande a domande: che fine hanno fatto i soldi incassati per l’acquisto del terreno da parte dell’Erap? Come potevano essere all’oscuro della necessità di spostare la servitù di acquedotto? In che senso la restituzione di fondi non utilizzati può configurare un danno erariale? C’è un parere chiesto alla Corte dei Conti su un’ipotesi transattiva? E poi, che cosa pensa esattamente Bacci di quest’opera?”

Jesi In Comune riporta che  la Regione Marche, in data 30/05/2014, e dunque in piena Amministrazione Bacci, avrebbe espressamente chiesto al Comune di Jesi di revocare la proroga concessa all’Erap e naturalmente di restituire il fondo di 1.950.000 euro. “Se il Sindaco Bacci avesse voluto, avrebbe potuto semplicemente adeguarsi e tutto sarebbe quantomeno rimasto bloccato in attesa di tempi migliori – scrive Jesi in Comune –  Invece ha insistito per procedere, affermando che l’opera rivestiva un’ “importanza strategica””.

Jesi In Comune poi punta il dito contro un altro problema, ovvero: “che siamo proprio in un altro mondo rispetto a quando quel palazzo fu pensato e progettato”. Di fatto, quindici anni fa “c’erano la Stu e un piano di attuazione, c’era un piano che coinvolgeva tutto il quartiere rispetto al quale il palazzo era solo una pillola indigesta dentro un ambizioso disegno complessivo (il Campus Boario), il mercato edilizio era in espansione… ”

In ultimo si legge: “Coinvolgiamo il Consiglio comunale perché dia mandato al Sindaco di esplorare soluzioni alternative (recupero di immobili vuoti, edificazioni in altre aree di completamento: per Sant’Agostino è stato fatto): oggi sono saltate le condizioni che rendevano – socialmente, urbanisticamente, politicamente e forse anche giuridicamente – accettabile e possibile quell’edificazione come parte di una pianificazione e di un progetto di recupero più vasto. Progetto di cui non c’è più traccia e di cui rimangono soltanto i cocci. La torre Erap, appunto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*