Torre Erap, la rabbia dei cittadini: «Quartiere devastato e abbandonato »

JESI –  La protesta contro il cantiere allestito per la costruzione della Torre Erap prosegue da parte di MeetUp SpazioLibero, unito al Comitato del Parco del Granita. Già nello scorso ottobre 2018 veniva richiesto all’Amministrazione Comunale di fissare urgentemente un incontro con i residenti, avendo già compreso dell’imminente intervento che avrebbe riguardato l’area verde, per ricavare parcheggi al posto dei giardini del Parco Granita.

Alberi abbattuti al cantiere Erap

“Ci permettevamo anche di ricordare le normative atte a salvaguardare le specie arboree protette presenti nella zona. – Spiega la rappresentanza di MeetUp e Comitato- Pochi giorni dopo, ritenendo che i residenti non fossero degni di alcuna risposta, si è preferito procedere con le ruspe all’abbattimento selvaggio di alberi e siepi, comprese le specie protette, la cui presenza era stata inutilmente da noi segnalata: il Comune di Jesi è stato così sanzionato dai Carabinieri Forestali per il mancato rispetto delle norme. E pensare che per evitare di fare questi danni sarebbe bastato mettere da parte per una volta l’arroganza ed ascoltare cosa avevano da dire i cittadini! Invece si è preferito distruggere in tutta fretta l’unica area verde della zona, promettendo ai residenti numerosi parcheggi che però, a tre mesi di distanza, non si sa che fine abbiano fatto. Si è deciso, insomma, di devastare il quartiere con una grave ferita e poi abbandonarlo: gli abitanti del San Giuseppe, infatti, si stanno chiedendo quali problemi ci siano nel cantiere, abbandonato a se stesso, dato che da settimane non si vede più neppure un operaio a lavorare.

A questo proposito, il Meet Up Spazio Libero intende conoscere se l’amministratore unico e legale rappresentante della Pro.Lav. srl di Latina, impresa edile che si è aggiudicata l’appalto per la costruzione della torre Erap, sia la stessa persona o solamente un omonimo rispetto all’imprenditore edile che con la ditta A&PP di Latina avrebbe avuto un cantiere sequestrato dall’autorità giudiziaria a Gaeta e che “risulterebbe essere stato recentemente indagato, insieme ad altri, dalla Procura di Cassino per reati legati all’ottenimento della concessione edilizia”.

Una protesta, quella degli abitanti del quartiere, fondata quindi sul timore di dover assistere ad uno scenario di completo abbandono e devastazione, che di certo non riqualificherebbe il quartiere, come nella volontà della costruzione della Torre Erap.

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*