Matt Cancelleria
Vai al Sito

Torre Erap, Pd e Jesi in Comune presentano interrogazione congiunta

JESI – PD di Jesi e Jesi in Comune-Laboratorio Sinistra depositano, in vista del prossimo Consiglio comunale, un’interrogazione congiunta sulla questione relativa alla “Torre Erap“, in vista del prossimo Consiglio Comunale convocato per giovedì prossimo.

«Il Comune di Jesi ha rilasciato a favore di E.R.A.P. il Permesso a Costruire relativo all’immobile di edilizia agevolata, la cosiddetta  “Torre Erap”, ubicata nel quartiere San Giuseppe – si legge nell’interrogazione –  L’ERAP ha al momento, salvo eventuali ricorsi alla giustizia amministrativa da parte di soggetti terzi, la titolarità giuridica a procedere all’avvio dei lavori per la costruzione del suddetto immobile» nonostante fosse stato oggetto «di numerose proteste da parte dei cittadini residenti nell’area destinata alla sua edificazione» tantoché «alcuni residenti hanno persino avanzato l’ipotesi di adìre la giustizia amministrativa con apposito ricorso al TAR, al fine di dare evidenza a presunti vizi nell’iter di rilascio del suddetto permesso a costruire».

Nel documento, i due gruppi consiliari di minoranza mettono in evidenza una serie di constatazioni: «dal fatto che l’edificazione, seppur già prevista da precedenti amministrazioni comunali, era sorta in relazione ad un piano di recupero complessivo di tutto il quartiere San Giuseppe e del Campo Boario» all’invito giunto al Comune di Jesi, in data 30 maggio 2014, da parte della Regione Marche a revocare la determina e ad avviare «il procedimento di restituzione e versamento al fondo regionale per le politiche abitative del contributo già ottenuto a tal proposito, pari ad € 1.950.000,00» in quanto l’intervento edilizio non era ancora stato ancora effettuato. Un invito cui il Comune risponde con una successiva comunicazione a firma del Sindaco Bacci «confermando l’importanza strategica che tale intervento riveste per il Comune di Jesi», e giustificando le continue proroghe e rinvii con cause di forza maggiore, «costituita da una condotta idrica nel sottosuolo, chiaramente risultante e visibile nel tracciato della rete idrica cittadina».

Alla luce di queste e altre rilevazioni, sostenendo che l’edificazione della Torre Erap sia «una scelta politica chiara», i due schieramenti di minoranza chiedono di sapere:

«Se il rilascio del permesso di costruire a favore di E.R.A.P. abbia avuto luogo,  in quale data e attraverso quale strumento ne sia stata data pubblicazione;

Quali elementi hanno portato il Sindaco a definire nel giugno 2014, l’opera edilizia in oggetto come “di importanza strategica per il Comune di Jesi” ;

Se le supposte ragioni strategiche allora richiamate sussistono anche alla data odierna;

Se, alla luce di tutte le considerazioni di cui sopra, nonché dei Suoi espressi obiettivi di mandato, ha intenzione di valutare un ripensamento dell’intervento edilizio previsto nel quartiere San Giuseppe, rinegoziando con ERAP per diverse condizioni per l’insediamento di edilizia».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*