Traffico di droga, un altro arresto: pizzicato nigeriano ai giardini con oltre 1 chilo di marijuana

“Anita”, dell’unità cinofila antidroga

JESI – Sin dalle prime ore di ieri mattina e per tutta la giornata di oggi, circa una trentina di militari del Nucleo Operativo e Radiomobile e delle Stazioni dipendenti stanno svolgendo un servizio straordinario di controllo del territorio per contrastare fenomeno di illegalità diffusa, soprattutto nei luoghi a forte concentrazione di giovani.
A dare man forte anche le unità cinofile antidroga del Comando Legione Carabinieri “Marche” che, in queste ore, insieme ad altre articolazioni della Compagnia di Jesi, stanno setacciando il territorio.
Dopo il recente arresto di un giovane nigeriano, beccato alla stazione con 1 chilo e 200 grammi di droga nascosta in uno zaino,  ieri pomeriggio anche un altro giovane è caduto nella rete dei militari del Nucleo Operativo e Radiomobile guidati dal Tenente Maurizio Dino-Guida, ma questa volta all’interno dei giardini pubblici di via Grecia, che già da qualche tempo i carabinieri stanno sorvegliando in modo discreto.
In questo caso, il giovane, successivamente identificato in V.E. 22 enne originario del Niger, un richiedente asilo rifugiato in Italia da meno di un anno, incensurato e che risulta alloggiare a Roma, è stato visto aggirarsi con fare sospetto proprio all’interno dei giardini, dove aveva nascosto una borsa verde all’interno di un bidone della spazzatura.
Mentre alcuni militari che avevano osservato tutta la scena provvedevano a recuperare la borsa, altri si precipitavano a bloccare il giovane.
Costui, che negava la paternità di quanto nascosto, veniva condotto in caserma per essere sottoposto a più meticolosi accertamenti.
Durante la perquisizione, all’interno della borsa veniva rinvenuto un involucro, ermeticamente sigillato con la cera, che risultava contenere oltre 1 kg e 300 grammi di marijuana.
Stante gli inconfutabili elementi di reità raccolti, il giovane veniva dichiarato in arresto e trattenuto presso la camera di sicurezza di questo comando, in attesa del rito direttissimo, così come disposto dal PM di turno. Il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Jesi Magg. Benedetto Iurlaro, nel sottolineare l’impegno dell’Arma nel contrastare il traffico di droga, ha escluso una connessione con l’arresto di sabato alla Stazione. L’extracomunitario, incensurato, dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di ingente quantitativo di sostanze stupefacenti.

Anche a Porta Valle, un ragazzo di 19 anni, romeno, è stato sorpreso con 4 grammi di hashish e denunciato.
Continua, quindi, in modo massiccio, il contrasto al traffico delle sostanze stupefacenti, i cui risultati grazie all’impegno di tutte le componenti dell’Arma sono sotto gli occhi di tutti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*